Le M&A non sono per tutti

Il matrimonio fra Bg e Shell, dicono gli operatori, non farà partire nuove mega acquisizioni. Queste operazioni, comunque, non sempre si trasformano in un buon affare per i soci. Soprattutto i più piccoli. Restano comunque dei bei segnali ai mercati. 

Marco Caprotti 29/04/2015 | 15:03

Meglio aspettare prima di brindare a una nuova ondata di mega operazioni di fusione e acquisizione. L’acquisto di Bg Group da parte di Royal Dutch Shell per 70 miliardi di dollari, secondo gli operatori, potrebbe non essere il segnale della partenza di una serie di M&A. Perlomeno di quelle così grandi.

Matrimoni a rischio
Prima di tutto bisogna vedere se il matrimonio funzionerà. La storia finanziaria è ricca di fusioni e acquisizioni naufragate o che non sono riuscite a mantenere le promesse. Un caso diventato ormai di scuola è l’unione fra Daimler e Chrysler del 1998, terminata 10 anni dopo con miliardi di dollari di perdite sia per i tedeschi che per gli americani. Quell’esperienza ha avuto il merito di insegnare alle società a procedere con i piedi di piombo. Il 2014 ha registrato il maggior numero di proposte di acquisizione prima annunciate e poi ritirare. Un fenomeno che non si vedeva dal 2008, nel pieno della crisi finanziaria scatenata dai mutui subprime. Nonostante questo, bisogna aggiungere che alla fine dell’anno scorso il valore delle fusioni e acquisizioni solo negli Stati Uniti ha raggiunto la cifra monstre di 1.600 miliardi di dollari, in crescita del 43% rispetto al 2013.

Le fusioni, inoltre (e anche quelle più ricche) spesso non sono un buon affare per gli azionisti. Soprattutto quelli piccoli. “I soci di minoranza sono costretti a subire il prezzo delle loro azioni che altri hanno stabilito”, spiega uno studio di AdviceIQ. “Questo può avere effetti pesanti sulla direzione dell’intero portafoglio. Molti piccoli investitori si sentono frustrati quando hanno in mano delle azioni che salgono e scendono non per effetto delle normali dinamiche di mercato, ma per le discussioni su una fusione o acquisizione”. Quando poi l’operazione è stata portata a casa, spesso emergono altri problemi: l’integrazione di due diversi metodi di lavoro, la perdita di produttività durante il cambio di management, i nuovi debiti e le spese non previste. Tutti elementi che indeboliscono la posizione finanziaria della new company.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Royal Dutch Shell PLC ADR Class B38,15 USD-4,07

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies