Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Fondi, i migliori e peggiori italiani nel 2014

Salute, tecnologia e azionario Usa si aggiudicano i primi posti per profilo di rischio/rendimento aggiustato per i costi. In coda molti comparti che pagano l’esposizione alla Russia.

Sara Silano 30/12/2014 | 11:18
Facebook Twitter LinkedIn

Due azionari settoriali e molti comparti specializzati su Wall Street sono i migliori fondi di diritto italiano del 2014 per profilo di rischio/rendimento aggiustato per i costi (in gergo tecnico si parla di Morningstar Risk-adjusted return, MRAR). Sulla classifica influisce l’andamento dei mercati finanziari e delle valute. Essendo espressi in euro, i rendimenti dei prodotti con una forte esposizione ai titoli americani hanno beneficiato dell’apprezzamento del dollaro nel corso dell’anno.

Al top la salute
Nel dettaglio, il miglior fondo per MRAR (al 30 novembre 2014) è Eurizon Azioni salute, che investe nel settore farmaceutico, con oltre la metà degli attivi in aziende statunitensi (dati di portafoglio al 31 agosto). Nel corso del 2014, il pharma ha registrato rendimenti superiori all’indice azionario globale, grazie ad alcuni fattori positivi quali il rinnovamento della gamma di medicinali da parte delle grandi società che stanno fronteggiando la concorrenza dei farmaci generici e il rallentamento nella scadenza dei brevetti, che fa aumentare il rendimento sul capitale investito. Nonostante sia in cima alla classifica dei fondi di diritto italiano, il comparto di Eurizon non è al top nella categoria degli Azionari salute. Ha, infatti, un rating di due stelle e presenta costi superiori alla media.

… e la tecnologia
Al secondo posto per MRAR, si colloca Eurizon Azioni tecnologie avanzate che, all’interno della categoria Morningstar di appartenenza, ha tre stelle. In pratica ha un rendimento nella media a fronte di un rischio inferiore e di un livello commissionale penalizzante. Il comparto ha beneficiato del positivo andamento del settore hi-tech che, secondo gli analisti di Morningstar, presenta attualmente sacche di sopravvalutazione, anche se non mancano le occasioni, in particolare nel cosiddetto comparto dei Big data (gestione di una grande quantità di dati per vari utilizzi tra cui la profilazione dei clienti).

In luce gli azionari Usa
Gli altri tre fondi che completano le prime cinque posizioni per MRAR sono specializzati sulla Borsa di New York. Pioneer Azionario America e Bnl Azioni America, entrambi due stelle, investono in titoli a larga capitalizzazione con un orientamento alla crescita (growth), mentre Arca Azioni America, tre stelle, è un large cap blend (misto). L’indice Msci Usa ha reso quasi il 30% in euro da inizio anno (circa 14% in dollari), grazie al proseguimento della politica monetaria accomodante da parte della Federal Reserve e al miglioramento della situazione congiunturale. In tutti e tre i casi, il livello commissionale è superiore alla media di categoria.

Fuori classifica
Non rientrano nella classifica per MRAR i fondi di diritto italiano che hanno raccolto di più nel 2014 (i primi tre sono Gestielle Cedola Multiasset I e II e Eurizon Cedola attiva più luglio 2019) perché hanno meno di un anno di vita.

Il fardello della Russia
Al fondo della classifica basata sull’MRAR, troviamo Amundi Eureka Sviluppo Russia 2018, un fondo che a scadenza si prefigge di dare un rendimento pari al valore della quota iniziale più una performance legata all’andamento dell’indice Rdx (Russian depositary index, indice rappresentativo dell’andamento del mercato russo), ma che nel corso del 2014 è stato fortemente penalizzato dalla crisi che sta attraversando il paese. Segue Zenit MC Pianeta Italia, che nel 2014 è crollato al centesimo percentile della categoria Azionari Italia dal quattordicesimo del 2013 (dati al 30 novembre 2014). I titoli che hanno più pesato sulla performance sono Banca Carige, Frendy Energy e Mps. Terzo peggior fondo è Symphonia Tematico, un Bilanciato flessibile globale, che ha due stelle di rating complessivo, che nel 2014 è finito in coda alla categoria (novantanovesimo percentile al 30 novembre 2014), penalizzato tra l’altro dalle quote investite in un fondo specializzato sulla Russia.  

In coda alla classifica troviamo anche Consultinvest MM High Volatility, che investe prevalentemente in quote di altri fondi e ha subito i contraccolpi della crisi russa e del crollo del prezzo del petrolio, e Amundi Eureka Brasile 2016, la cui performance a scadenza è legata al verificarsi di determinate condizioni relative all’andamento dell’Etf iShares Msci Brazil index fund.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia