Usa, i numeri allarmano gli ottimisti

La Borsa americana macina record, ma la situazione macroeconomica è complessa. Gli investitori vogliono indicazioni dalla Fed sui tassi di interesse e aspettano conferme dalla congiuntura. 

Marco Caprotti 27/11/2014 | 10:29

La raffica di dati arrivati dagli Stati Uniti nelle ultime settimane stampa una foto del paese diviso fra voglia di crescita e paura di una frenata. In questo scenario, tuttavia, gli operatori finanziari vedono il bicchiere mezzo pieno e hanno spinto gli indici di Wall Street a ritoccare sempre nuovi record. Il paniere Msci della regione nell’ultimo mese (fino al 24 novembre e calcolato in euro) ha guadagnato il 6,7%, portando a +23,4% la performance da inizio anno.

Il quadro macro
La revisione intermedia del Pil del terzo trimestre, ha segnato un aumento del 3,9%, meglio del 3,5% della prima stima e del 3,3% atteso dagli analisti. Calo superiore alle attese per l'indice della Conference Board, termometro della fiducia dei consumatori. L'indicatore a novembre è sceso da 94,5 punti a 88,7 punti, a fronte di attese degli esperti che arrivavano a 96,8 punti. L’indice sull’attività manifatturiera dell’area di Richmond è crollato a quattro punti in novembre dai 20 di ottobre. Il dato (reso noto dalla locale Federal Reserve) è decisamente peggiore delle attese degli analisti (16 punti). A ottobre l’indice delle attività nazionali pubblicato dalla Fed di Chicago è sceso a +0,14 punti dai +0,29 calcolati settembre (le stime erano +0,5).

Il superindice dell’economia americana è salito in novembre dello 0,9% (migliore delle attese). In settembre la crescita era stata dello 0,7%. “Il dato di novembre è in linea con le nostre previsioni di una domanda al consumo buona ma non eccellente nei prossimi mesi. Guardando più in avanti, rimangono dubbi sulla lentezza degli investimenti aziendali e su una crescita rallentata dei redditi". Il Pmi manifatturiero (elaborato da Markit) è sceso in novembre a 54,7 punti da 55,9 in ottobre.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar