Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Usa, i numeri allarmano gli ottimisti

La Borsa americana macina record, ma la situazione macroeconomica è complessa. Gli investitori vogliono indicazioni dalla Fed sui tassi di interesse e aspettano conferme dalla congiuntura. 

Marco Caprotti 27/11/2014 | 10:29
Facebook Twitter LinkedIn

La raffica di dati arrivati dagli Stati Uniti nelle ultime settimane stampa una foto del paese diviso fra voglia di crescita e paura di una frenata. In questo scenario, tuttavia, gli operatori finanziari vedono il bicchiere mezzo pieno e hanno spinto gli indici di Wall Street a ritoccare sempre nuovi record. Il paniere Msci della regione nell’ultimo mese (fino al 24 novembre e calcolato in euro) ha guadagnato il 6,7%, portando a +23,4% la performance da inizio anno.

Il quadro macro
La revisione intermedia del Pil del terzo trimestre, ha segnato un aumento del 3,9%, meglio del 3,5% della prima stima e del 3,3% atteso dagli analisti. Calo superiore alle attese per l'indice della Conference Board, termometro della fiducia dei consumatori. L'indicatore a novembre è sceso da 94,5 punti a 88,7 punti, a fronte di attese degli esperti che arrivavano a 96,8 punti. L’indice sull’attività manifatturiera dell’area di Richmond è crollato a quattro punti in novembre dai 20 di ottobre. Il dato (reso noto dalla locale Federal Reserve) è decisamente peggiore delle attese degli analisti (16 punti). A ottobre l’indice delle attività nazionali pubblicato dalla Fed di Chicago è sceso a +0,14 punti dai +0,29 calcolati settembre (le stime erano +0,5).

Il superindice dell’economia americana è salito in novembre dello 0,9% (migliore delle attese). In settembre la crescita era stata dello 0,7%. “Il dato di novembre è in linea con le nostre previsioni di una domanda al consumo buona ma non eccellente nei prossimi mesi. Guardando più in avanti, rimangono dubbi sulla lentezza degli investimenti aziendali e su una crescita rallentata dei redditi". Il Pmi manifatturiero (elaborato da Markit) è sceso in novembre a 54,7 punti da 55,9 in ottobre.

I fari del mercato
Ma l’attenzione degli operatori è tutta per il rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Il tempo del primo aumento del costo del denaro negli Stati Uniti “sta arrivando, ma non è ancora arrivato”, ha detto durante un'intervista all'emittente televisiva Cnbc, Jeme Powell, membro del Board della Federal Reserve, spiegando che il primo giro di vite ci sarà nel 2015, probabilmente attorno a metà anno, come per altro sostiene la maggior parte degli analisti. Parlando invece dell'economia americana nel suo complesso, Powell ha spiegato di non vedere bolle e ha detto di essere cautamente ottimista sulle prospettive, nonostante il rischio derivato da una crescita debole a livello globale.

Nel brevissimo periodo i fari sono sulla giornata di venerdì, il Black Friday (il giorno dopo la festa del Ringraziamento) che segna l’avvio ufficiale della stagione degli acquisti natalizi e che, come d’abitudine, darà il polso della voglia di spendere delle famiglie americane. Come consuetudine sarà una giornata di fortissimi sconti e di assalti ai negozi. Qualcosa però sta cambiando. Come racconta il Financial Times, questa volta i retailer, nel tentativo di accaparrarsi una fetta più ampia di clienti, inizieranno prima con le offerte e avranno un occhio di riguardo per gli acquisti online. Secondo la National Retail Federation, maggiore associazione di settore, negli Stati Uniti le vendite di novembre e dicembre saliranno del 4,1% a 617 miliardi di dollari, il massimo in tre anni. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.