Piccole con buoni muscoli

Le small cap, dicono gli operatori, possono essere adatte anche a una fase di rallentamento globale. Ma non bisogna attendersi rendimenti stellari. Prudenza e pazienza restano le parole d'ordine. 

Marco Caprotti 12/11/2014 | 14:26

Meglio non mollare le small cap. Nonostante l’andamento delle ultime settimane e la volatilità che sta caratterizzando i mercati (che spesso spinge alla prudenza su questo settore) spiegano gli operatori, il segmento dell’equity dedicato alle piccole e medie imprese non ha ancora espresso le sue potenzialità. Senza contare, aggiungono, le opportunità che dà in termini di diversificazione del portafoglio.

Calma e pazienza
“E’ vero che la situazione di volatilità dei mercati ha reso le small cap un comparto rischioso per gli investitori”, spiega Todd Wenning, analista azionario di Morningstar. “Allo stesso tempo, però, si stanno creando opportunità per chi ha una visione di lungo periodo. In generale, quando si ha a che fare con questi titoli un approccio fatto di prudenza e pazienza è quello che, di solito dà i risultati migliori”.

Farsi prendere dalla fretta in un momento in cui le prospettive di crescita globale sono (nella migliore delle ipotesi) incerte non è mai una buona idea, soprattutto quando si ha che fare con aziende che dipendono molto dallo stato di salute della congiuntura delle aree in cui vivono. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la prudenza è suggerita dalla fine delle iniezioni di liquidità all’economia Usa decisa dalla Federal Reserve.  La Banca centrale ritiene che la situazione macro si sia stabilizzata, ma ci vorrà un po’ di tempo prima che la congiuntura viaggi a pieno regime. Nel caso del Vecchio continente, gli economisti della Bce nell’ultimo Bollettino hanno ridotto marginalmente la stima di crescita per l'Eurozona per quest'anno, portandola dall'1,1% all’1%, mentre sono rimaste invariate le stime per il 2015 e il 2016, rispettivamente all'1,5% e l'1,7%.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies