Spence (Nobel): Usa vulnerabili al rallentamento globale

L’economia europea rimarrà debole ancora per 3-5 anni. La corporate America non può più contare sui tagli dei costi per la crescita degli utili. In anteprima, presentiamo alcuni dei temi che saranno dibattuti alla Mic.

Sara Silano 06/11/2014 | 11:36

“L’economia europea sarà caratterizzata ancora da un esteso periodo di bassa crescita e alta disoccupazione. Almeno per 3-5 anni”. A dirlo è Michael Spence, Premio Nobel nel 2001, in un’intervista esclusiva per Morningstar.it, nella quale anticipa alcuni dei temi che tratterà alla Investment conference dell’11 novembre. “Anche se le riforme essenziali sono state avviate in molti Paesi, ci vorrà del tempo perché producano dei frutti”, aggiunge. “Inoltre, la situazione del debito rimane critica”.

Una lunga lista di problemi
Se la congiuntura europea è malata, quella mondiale non è in salute, minacciata da un numero crescente di questioni geopolitiche e sociali, che generano instabilità. Per Spence, prese singolarmente non sono allarmanti ma, aggregate, non fanno dormire sonni tranquilli agli investitori. La lista è lunga: crisi russo-ucraina, le minacce dell’Isis, che ha proclamato la restaurazione del Califfato islamico a fine giugno e acuito il conflitto in Medio oriente, il virus Ebola, l’aumento dei rischi di violazione della sicurezza informatica, la scomparsa o caduta di aerei di linea. A ciò si aggiungono il deterioramento del rapporto tra gli Stati Uniti e la Cina (e tra quest’ultima e il resto dell’Asia) e la frammentazione dei commerci internazionali.

Venti contrari per gli Usa
Gli ultimi dati sul Prodotto interno lordo (Pil) Usa fanno impallidire l’Europa (+3,5% annualizzato nel terzo trimestre). Dunque, l’America è indenne dalle tensioni che interessano il resto del mondo? I punti di forza non mancano, a cominciare dalla sua dinamicità e dalle potenzialità delle nuove fonti energetiche, basate sul gas di scisto. Ma rimane vulnerabile. “Gli investimenti sono sotto il loro potenziale”, spiega Spence, “e ci sono disparità nella distribuzione dei redditi che stanno rallentando la ripresa dei consumi. Inoltre, il peso degli Usa sull’economia globale è in declino, il che aumenta l’esposizione ai venti contrari che soffiano soprattutto in Europa, ma anche in Asia”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar