Il fair value delle valute

Le currency sono uno strumento fondamentale per gli investitori. Calcolarne il vero valore è difficile ma c'è chi è in grado di farlo. Lucio Sarno, professore di finanza alla Cass di Londra, ne parlerà alla Mic dove illustrerà gli ultimi studi sulle previsioni per le monete. 

Marco Caprotti 05/11/2014 | 11:48

La fine degli stimoli della Federal Reserve all’economia Usa, i dati macro europei e le scelte economiche della Cina. Un esempio di tre fattori diversi che hanno due conseguenze in comune: l’influenza sull’andamento delle valute e, a ruota, gli effetti sul rendimento finale che si metterà in tasca l’investitore. Le cosiddette currency, infatti, nel corso del tempo si sono trasformate in una asset class fondamentale per gli operatori finanziari (professionisti e risparmiatori), che le utilizzano come strumento di investimento, come mezzo di gestione del rischio o come strumento di copertura. Da qui nasce la necessità di riuscire a prevederne l’andamento.

Il problema del fair value
Un compito tutt’altro che agevole, secondo Lucio Sarno, professore di finanza alla Cass Business School di Londra che, l’11 novembre, parteciperà alla Morningstar Investment Conference di Milano per spiegare quali sono le difficoltà nel calcolare con sufficiente anticipo l’andamento delle valute internazionali e illustrare le soluzioni. “Uno dei problemi quando si ha a che fare con i cambi delle monete è la loro valutazione nel lungo periodo”, spiega Sarno. “Per dirla semplicemente, non esistono modelli affidabili per ottenerle. Un problema, considerando l’importanza che questo elemento ha per molti soggetti del mercato fra cui, oltre agli investitori, i responsabili delle politiche monetarie dell’Fmi o delle Banche centrali che hanno bisogno di conoscere quali sono i livelli di sopravalutazione o sottovalutazione delle divise”.

L’ostacolo principale è che, di fronte a eventi globali di sempre maggiore portata, la distanza delle monete dal loro fair value rischia di diventare più grande e duraturo. Per questo avere le idee poco chiare sui tassi di cambio valutari può avere conseguenze pesanti sulle performance del portafoglio di un investitore privato, così come sulle decisioni di politica monetaria.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar