La scelta di Draghi

Il presidente della Bce nell'ultimo discorso ha voluto sottolineare di essere pronto a intervenire per dare sostegno all'Europa. Ma per il mercato non è chiaro quale strumento utilizzerà. 

Marco Caprotti 16/01/2014 | 11:18

Qualcosa è cambiato alla Bce. E’ vero che la politica monetaria dell’istituto all’inizio del 2014 è rimasta ferma a quella dell’anno scorso (tassi di interesse ai minimi storici, quello principale allo 0,25%, quello marginale allo 0,75% e quello sui depositi overnight a zero); ma agli operatori non è sfuggita l’insistenza con cui il presidente dell’Eurotower, Mario Draghi, ha detto di essere pronto a intervenire se le cose nella regione dovessero peggiorare. Cosa farà realmente la Banca centrale, tuttavia, non è ancora chiaro.

La Bce ha detto di seguire da vicino l’andamento dei tassi di mercato e di essere pronta “a prendere altre iniziative con determinazione per mantenere sufficiente liquidità” nell’Eurozona. Draghi ha anche confermato che Francoforte manterrà un orientamento di politica monetaria accomodante e che continuerà la forward guidance del luglio scorso che prevede tassi di interesse nell’area euro al livello attuale o più bassi per un periodo di tempo prolungato. Per quanto riguarda le condizioni sul mercato monetario e il loro potenziale impatto “seguiamo gli sviluppi con molta attenzione e siamo pronti a valutare tutti gli strumenti a disposizione. In generale, restiamo determinati a mantenere un grado elevato di generosità monetaria e a prendere ulteriori iniziative, se necessarie”, ha continuato Draghi.

Le scelte della Bce
“L’inflazione dell’area euro è bassa e la crescita è debole. Ma, presumibilmente, la Bce ha già risposto a questi problemi quando ha tagliato i tassi di interesse allo 0,25%, lo scorso novembre”, dice un report di Sara Yates, Vice president del Global FX Strategist di Jp Morgan private bank. “A meno che il quadro non peggiori ulteriormente, riteniamo che sia molto improbabile un ulteriore accomodamento di politica monetaria da parte della Bce”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies