I vantaggi di essere retail

Gli investitori privati possono contare su diversi vantaggi rispetto ai gestori professionisti. Eppure, raramente ne approfittano.

Fernando Luque 27/11/2013 | 10:23

Benché molti pensino il contrario, l’investitore privato può tranquillamente ottenere risultati uguali, se non migliori, a quelli dei più importanti gestori di fondi comuni. Infatti, il piccolo investitore ha la possibilità di avvalersi di alcuni vantaggi molto importanti, soprattutto se si confrontano con manager che gestiscono grossi patrimoni.

Senza la pressione del breve termine
Il primo grosso vantaggio è che l’investitore privato, se lo desidera, può evitare di prestare attenzione ai capricci del mercato nel breve termine. Può permettersi il lusso di spegnere la televisione, non aprire i giornali, non accendere il pc per dimenticarsi per un po’ dei mercati. Un gestore professionista non lo può fare, si trova continuamente sotto esame da parte dei suoi clienti e del mercato. Non è raro imbattersi in gestori che, nonostante dichiarino di avere un orizzonte temporale di lungo periodo, affermino di perdere clienti nel caso non battano il proprio benchmark per 12 mesi. In più, spesso anche la remunerazione dei gestori professionisti dipende dai risultati trimestrali o semestrali.

Una bagaglio meno pesante
Il secondo vantaggio è rappresentato dal fatto che spesso gestire un piccolo patrimonio è più semplice rispetto a uno molto grosso. Il gestore che si trova con un volume di attivi importante sarà spesso spinto a investire in titoli a grande capitalizzazione. Sono i titoli più liquidi, più scambiati e che di solito si muovono di più, il che però costringe il gestore a investire nelle aziende più care. Raramente i fondi di grossa dimensione investono molti asset in titoli a bassa capitalizzazione, i più sottovalutati.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar