Se il mondo frena, conviene l'Europa

Le prospettive di ripresa globale si mischiano ai rischi di nuovi rallentamenti disorientando i mercati. Meglio, dicono gli operatori, comprare asset a sconto di una regione che inizia a svegliarsi. Come l'equity del Vecchio continente.

Marco Caprotti 16/10/2013 | 14:07

I mercati mondiali sembrano essere con il fiato sospeso. L’indice Msci World nell’ultimo mese (fino al 15 ottobre e calcolato in euro) è rimasto praticamente invariato (+15,6% la performance da inizio anno). L’atteggiamento cauto è d’obbligo a fronte di un miglioramento generale della congiuntura globale cui fanno da contrappunto alcuni problemi di non facile soluzione. Secondo i dati elaborati dall’Organizzazione per lo sviluppo e la cooperazione economica, i leading indicator (tutti gli indicatori che sono utilizzati per predire l’evoluzione congiunturale) del 64% dei 37 maggiori paesi del mondo negli ultimi sei mesi hanno registrato un miglioramento. La produzione manifatturiera globale è cresciuta nell’82% degli stati più ricchi.

Le economie più grandi
Per quanto riguarda l’Europa, gli operatori parlano di inizio della fase di recupero dalla crisi del debito aiutata da una stabilizzazione dei mercati finanziari e da un aumento della produttività. Negli Stati Uniti la decisione della Federal Reserve di non procedere con il tapering (la riduzione delle iniezioni di liquidità o Quantitative easing) ha fatto tirare un sospiro di sollievo agli investitori. Questo, unito ai maggiori crediti erogati dalle banche a famiglie e imprese, depone a favore di una ripresa economica. Ci sono, tuttavia, dei rischi legati al livello di debito federale che ha portato al blocco delle attività governative e che potrebbe mandare gli Usa in default tecnico. Elementi che, se non risolti con formule adeguate, andranno a incidere sul ritmo della ripresa.

In Asia, intanto, il Giappone può fare affidamento su una politica di stimolo che sta spingendo l’economia. Nel frattempo in Cina stanno passando i timori di una recessione grazie anche a una politica di investimenti infrastrutturali promossa dal governo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies