Usa, strategie sotto il tetto

Gli operatori sono convinti che la politica americana troverà un accordo per evitare la bancarotta del paese. In caso contrario si creeranno opportunità d'acquisto. Soprattutto fra i titoli delle aziende che fanno affari all'estero. 

Marco Caprotti 08/10/2013 | 14:06
Facebook Twitter LinkedIn

L’America sta mettendo a dura prova le coronarie degli investitori e la loro resistenza alla volatilità. Dopo la decisione della Federal Reserve di non procedere con il tapering (la riduzione delle iniezioni di liquidità), il ritiro di Larry Summers dalla corsa per la guida della Banca centrale Usa e la paralisi degli uffici federali per mancanza di fondi (shutdown), gli operatori devono fare i conti con la possibilità di una bancarotta della prima economia mondiale. Un’eventualità ormai alle porte se, entro il 17 ottobre, la politica americana non troverà un accordo sul tetto massimo di indebitamento concesso al paese.

Secondo un rapporto del Dipartimento del Tesoro, se il tetto al debito non sarà alzato gli effetti sull’economia americana potrebbero essere “catastrofici”. In base ai dati del dicastero guidato da Jack Lew il mancato innalzamento del limite di 16,7 mila miliardi di dollari, portando gli Stati Uniti dritti verso il default causerebbe una recessione comparabile o peggiore di quella del 2008 (crollo di Lehman Brothers). Il rapporto rileva che il mercato del credito potrebbe essere congelato, il valore del dollaro potrebbe crollare e i tassi d’interesse potrebbero salire alle stelle.

Le vie d’uscita
La Costituzione Usa conferisce al Presidente il diritto di alzare unilateralmente il tetto del debito. Nel passato, comunque, questo non è stato mai fatto: non si tratta, infatti, di una consuetudine politica e, se il Presidente agisse d’imperio, probabilmente si aprirebbero azioni legali e si coinvolgerebbe la Corte costituzionale. Sulla carta, comunque, resta un’opzione e, quindi, teoricamente una possibilità, anche se remota. Un’altra scelta sarebbe la creazione di una commissione terza che stabilisca un compromesso sull’Obamacare (la riforma sanitaria voluta dalla Casa Bianca e osteggiata dai repubblicani), per arrivare poi a una soluzione anche sulla questione del debito. Ma secondo gli osservatori è difficile che Obama faccia concessioni che possano ridurre la portata di quella che considera la più grande conquista della sua amministrazione. Una terza via, considerata più probabile, è quella di negoziati più seri tra la Casa Bianca e il Congresso, anche se i meeting fino ad ora non riusciti a portare a un compromesso.

Le scelte operative
“La possibilità che si arrivi a una bancarotta degli Stati Uniti viene considerata come remota dal mercato. Il nervosismo aumenterà a mano a mano che si avvicina la scadenza del 17 ottobre senza vedere una via di uscita”, spiega uno studio di Morningstar. “Un’eventuale bancarotta sarebbe presa malissimo dagli operatori: ogni asset di investimento con il simbolo del dollaro si ritroverebbe molto indebolito”. Dal punto di vista operativo, per chi riuscirà a mantenere il sangue freddo, la situazione potrebbe trasformarsi in una buona occasione d’acquisto. “Se si arrivasse al default, il Congresso e la Casa Bianca sarebbero spinte a trovare una soluzione che poi ridarebbe sprint alla Borsa”, continua lo studio. Gli asset più interessanti sarebbero comunque quelli delle aziende Usa che fanno affari soprattutto all’estero e che quindi sarebbero meno colpite da una recessione”.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.