I flessibili rincorrono il mercato

Negli ultimi tre anni, i gestori hanno inseguito le Borse, sbagliando i tempi di ingresso e uscita. La libertà nelle decisioni di investimento non ha portato ai risultati sperati.  

Sara Silano 22/08/2013 | 16:27

I fondi flessibili faticano a stare al passo con un indice composto al 50% di azioni e al 50% di obbligazioni. Secondo un’analisi realizzata da Ali Masarwah, analista di Morningstar, sui comparti europei che non hanno vincoli nell’allocazione tra le diverse classi di investimento, solo il 2,2% è riuscito nell’impresa negli ultimi tre anni e il risultato non cambia significativamente su orizzonti temporali più estesi. (Leggi l’analisi completa e i criteri utilizzati).

I flessibili sono diventati popolari negli ultimi anni, perché sono stati proposti agli investitori come strumenti adatti a navigare nelle acque tempestose dei mercati. Dall’inizio del 2013, i flussi verso questa categoria in euro sono stati di oltre 9,6 miliardi in Europa (dati al 31 luglio). Tra i fondi allocation, solo i prudenti hanno registrato risultati migliori. Il successo in termini di raccolta si scontra, però, con le magre performance mediamente ottenute finora.

Cosa non ha funzionato
L’aspetto più interessante della ricerca, tuttavia, non riguarda il confronto tra la performance di questi prodotti e un benchmark bilanciato (dal momento che questa tipologia di prodotti non ha come obiettivo quello di battere l’indice), bensì il comportamento dei gestori nelle diverse fasi di mercato. In particolare, Masarwah ha messo a confronto la variazione della quota azionaria rispetto all’andamento dell’indice Msci World, scoprendo che la flessibilità nella strategia di gestione non si è tradotta, nella maggior parte dei casi, in operazioni decorrelate dalla Borsa. Al contrario, i manager tendono a “rincorrere” gli indici. In quattro importanti momenti di svolta degli ultimi tre anni, il comportamento è stato pro-ciclico (vedi grafico).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies