L'Asia fa lezione sui mercati di frontiera

La storia dei paesi sviluppati della regione e la direzione dei loro investimenti possono dare indicazioni sul futuro di quelli che sono in rampa di lancio per entrare nell'arena dell'economia e della finanza globali. 

Marco Caprotti 08/08/2013 | 11:38

Per capire cosa succederà ai mercati di frontiera può essere utile studiare la storia dei loro vicini sviluppati. Anche se gli andamenti generali potranno essere diversi, dicono gli operatori, alcuni elementi possono dare comunque la misura del potenziale delle regioni e degli stati che si stanno mettendo in rampa di lancio per crescere.

Un sentiero segnato
L’esercizio è particolarmente indicato in Asia dove, accanto a colossi economici come il Giappone e la Corea del sud, ci sono paesi che iniziano adesso ad affacciarsi al palcoscenico della finanza e dei commerci internazionali. Un punto di partenza può essere il prodotto interno lordo (Pil). Quello delle zone di frontiera asiatiche varia da un minimo di mille dollari per arrivare a un massimo di 3mila dollari pro capite. Il valore più basso della forchetta è l’equivalente (fatti i debiti aggiustamenti) di quello registrato dal Giappone negli anni ’60, di quello sudcoreano alla fine degli anni ’70, di quello della Thailandia alla fine degli anni ’80 e dalla Cina all’inizio del 21esimo secolo.

“Viene da dire che i mercati di frontiera della regione siano nella direzione giusta per seguire il cammino segnato da quelli che oggi sono i paesi più sviluppati della zona”, spiega uno studio di Matthews Asia Funds. “Una considerazione che trova supporto anche nel fatto che molti fra gli stati della categoria developed sono quelli che oggi stanno investendo più di tutti, in termini monetari e di competenze, nelle frontier regions”. Secondo i dati della Association of Southeast Asian Nation (Asean) l’80% dei fondi internazionali che arriva in Birmania parte da Cina, Hong Kong, Thailandia e Corea del sud. Taiwan e il Giappone sono molto presenti in Vietnam, mentre il Sol levante da solo, fra il 2005 e il 2011, ha investito nell’area Asean quasi 10 miliardi di dollari (più che in Cina).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies