Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Morningstar Awards 2013: fondi obbligazionari finalisti

Nel reddito fisso, emerge chi ha assunto più rischio nell’ultimo anno, chi ha saputo selezionare emissioni a valutazioni convenienti in modo persistente nel tempo e chi ha difeso il portafoglio nelle fasi di stress del mercato.

Dario Portioli, CFA 15/05/2013 | 18:43
Facebook Twitter LinkedIn

I fondi obbligazionari candidati ai Morningstar Awards del 2013 testimoniano quali sono stati e tutt’ora sono gli effetti delle politiche monetarie espansive sul mercato dei capitali. Infatti, il minor costo del denaro e i modesti rendimenti dei principali titoli governativi “core” (Germania, Stati Uniti, Giappone) spingono gli investitori verso attività più rischiose. Questo movimento verso titoli a maggior rischio percepito viene alimentato anche dai progressi fatti a livello di Eurozona per la risoluzione della crisi del debito sovrano (dichiarazioni e interventi della Bce, politiche di consolidamento dei bilanci pubblici, ecc.)

Così, nel 2012, i gestori obbligazionari di successo sono stati quelli che hanno preferito le scadenze più lunghe e i titoli con un elevato rischio di credito percepito, tra cui le obbligazioni bancarie, le cui valutazioni sono andate migliorando nel corso dell’anno. D’altra parte, i fondi finalisti non sono strumenti che vanno bene solo in periodi di “risk-on”, ovvero quando l’esposizione al rischio è ben ripagata. Nella gran parte dei casi, si tratta di fondi a gestione attiva, che sfruttano competenze ed esperienza dei gestori per selezionare con successo emissioni obbligazionarie il cui rischio percepito è maggiore del rischio effettivo e per posizionarsi in modo più difensivo in periodi di stress acuto dei mercati finanziari; il periodo considerato ai fini dell’assegnazione degli Awards, infatti, tende a coincidere con un ciclo completo di mercato, ovvero cinque anni.

Queste caratteristiche ideali giustificano le commissioni pagate per investire in fondi a gestione attiva; d’altra parte, in alcuni casi, i costi sono comunque troppo elevati e rendono i fondi a gestione attiva poco competitivi, come emerge dalla selezione dei finalisti per la categoria dei Governativi Euro, dove anche quest’anno primeggiano gli Etf (che concorrono per i Morningstar Awards insieme ai fondi a gestione attiva)

Partendo da queste basi, ecco la lista dei finalisti (clicca per ingrandire):

I Morningstar Awards, che verranno assegnati mercoledì 22 maggio, hannol’obiettivo di premiare quei fondi che hanno registrato brillanti performance all’interno delle categorie di riferimento. La metodologia adottata tende a enfatizzare i risultati realizzati nell’ultimo anno, senza però trascurare quanto fatto su periodi più lunghi (tre e cinque anni). Allo stesso tempo, vengono premiati i rendimenti conseguiti sopportando un livello contenuto di rischio.

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Dario Portioli, CFA

Dario Portioli, CFA  è Senior Fund Analyst di Morningstar in Italia.