L'est Europa non mantiene le promesse

La regione sta deludendo chi si aspettava una ripresa nel 2013. La Russia paga il calo del petrolio. La Polonia prepara nuovi tagli dei tassi. 

Marco Caprotti 23/04/2013 | 15:09
Facebook Twitter LinkedIn

L’est Europa sta smentendo le previsioni. Per lo meno quelle fatte, al posto suo, dalla European bank for recostruction and development che da 20 anni segue e finanzia la transizione dell’ex blocco sovietico verso un’economia di mercato. A gennaio l’istituto aveva parlato di una ripresa economica, seppur leggera, della regione partendo dal presupposto che la crisi di Eurolandia (da cui la regione emergente dipende per buona parte degli investimenti) non sarebbe potuta peggiorare.

Come si chiuderà il 2013 è da vedere. E’ sicuro, invece, che la prima parte di quest’anno si è rivelata difficile. Tanto che, solo nell’ultimo mese (fino al 22 aprile e calcolato in euro), l’indice Msci dell’area ha perso quasi il 7% a dimostrazione di come gli operatori siano sempre sensibili agli umori del ciclo economico della regione. L’attenzione si concentra su Russia e Polonia. La prima è la locomotiva dell’area, mentre la seconda, in passato, ha dimostrato di saper correre più degli altri paesi.   

Russia condizionata dal barile
“Il Micex, è tornato indietro ai livelli dell’estate scorsa scontando la situazione attuale di rallentamento nella crescita del Pil, che rimane comunque attorno al 3%”, spiega uno studio di East Capital. “Il brent è anche sceso sotto i 100 dollari, fatto negativo per un mercato come quello russo così dipendente dai titoli energetici, principalmente a causa di un eccesso di offerta”. Tuttavia è emerso un dato interessante circa la produzione industriale, il 12% in più a marzo rispetto a febbraio e quasi il 3% in più rispetto allo stesso periodo del 2012. “Alcuni analisti ritengono che questa ripresa, sebbene moderata, possa essere il punto di svolta e che la contrazione del settore possa considerarsi finita”, continua la nota. “Insomma dalla Russia arrivano segnali misti e resta bassa la visibilità sul mercato, in un contesto in cui gli emergenti restano fuori dall’interesse e ci sono forti differenze fra settore e settore. In particolare se il mondo delle utility rimane del tutto escluso dal favore degli investitori altri titoli legati ai consumi, invece, si stanno muovendo in controtendenza”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies