Corporate bond, l’outlook di Morningstar

Il 2012 non si ripeterà. Il settore finanziario potrebbe correre ancora, ma nel lungo occorre conoscere i fondamentali.

Dave Sekera, CFA 15/01/2013 | 13:50
Facebook Twitter LinkedIn

Nel 2012, l’insolita combinazione del restringimento degli spread creditizi aziendali e della diminuzione dei tassi di interesse, ha portato a un rendimento eccezionale per la categoria dei corporate bond (oltre il 10%, secondo il Morningstar Corporate Bond Index). Nel 2013, sarà davvero molto difficile il ripetersi di performance del genere, a meno che lo spread aziendale non scenda ancora arrivando a toccare il suo minimo storico (febbraio 2007) e che i tassi d’interesse si abbassino ulteriormente, pur essendo a livelli già minimi. Tutto ciò è matematicamente molto improbabile. Nel 2013, i rendimenti dei corporate bond saranno con ogni probabilità a una sola cifra.

Il rally continuerà nel primo trimestre
Nel corso del primo trimestre del 2013, gli spread creditizi potrebbero restringersi ulteriormente, anche se in maniera modesta, grazie a forti fattori tecnici che sostengono il mercato delle obbligazioni societarie. Tuttavia, nel lungo periodo, pensiamo che questo trend abbia esaurito il suo corso.

Dal punto di vista tecnico, le prospettive per lo spread delle obbligazioni societarie non potrebbero essere migliori. La domanda resta particolarmente forte, in quanto gli investitori continuano a riversare denaro nei mercati a reddito fisso. Le nuove emissioni hanno raggiunto livelli record nel 2012, eppure non sono state in grado di tenere il passo con la domanda degli investitori. Mentre la Federal Reserve continua ad acquistare titoli garantiti da ipoteca e obbligazioni a lungo termine del Tesoro Usa, gli investitori hanno sempre meno attività a reddito fisso tra cui scegliere, ritrovandosi così spinti verso il mondo delle obbligazioni societarie. Questo sta per forza di cose restringendo gli spread di credito, visto che l’offerta di titoli a reddito fisso si contrae e la nuova liquidità fornita dalla Fed cerca degli sbocchi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Dave Sekera, CFA  Dave Sekera, CFA, is a senior securities analyst with Morningstar.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy