E’ tornata la stagione delle small cap?

La fine dell’anno è il periodo in cui nei portafogli iniziano a riverdersi i titoli delle piccole aziende. Nel lungo periodo vanno bene e servono per la diversificazione. Ma ci sono dei rischi.

Marco Caprotti 06/12/2018 | 11:46

Le small cap alla lunga vincono? Mettendo a confronto le diverse categorie Morningstar in cui vengono raccolti i fondi che puntano sulle società a piccola capitalizzazione, parrebbe proprio di sì. Quella specializzata sugli strumenti dedicati alle small cap europee, ad esempio, in 10 anni ha segnato + 13% (in euro). Risultato che lascia al palo i segmenti dedicati alle altre capitalizzazioni.

Nelle tabelle in basso abbiamo messo a confronto alcune categorie Morningstar che suddividono le capitalizzazioni e, per ognuna, abbiamo elencato i fondi small cap con Analyst rating (per tutte la fonte è Morningstar Direct). Le prime tabelle sono quelle dedicate al Vecchio continente.

smalleurope

 smalleurope1

Un discorso analogo a quello europeo si può fare se si guarda all’andamento (in dollari) delle categorie Usa.

usasmall

usasmall2

Ma il trend non cambia se si allarga l’orizzonte a livello globale (in euro).

globsmall

 globsmall1 

Ci sono diversi motivi che possono spiegare l’andamento delle piccole e medie imprese. Ad esempio, nella maggior parte dei casi si tratta di aziende che lavorano sui mercati domestici o, al massimo, regionali. In questo modo non sono soggette ai capricci dell’economia mondiale, ma possono approfittare del buon andamento delle aree di riferimento. Spesso, poi, si tratta di società poco indebitate: molte, soprattutto in Europa, sono guidate a livello familiare, con obiettivi di lungo periodo, una gestione dei bilanci prudente e interessi allineati a quelli degli investitori.

Lo small cap effect è stato studiato per la prima volta nel 1981 dal Rolf Banz, considerato uno dei massimi esperti di piccole e medie aziende, che ha dimostrato come i titoli con la capitalizzazione minore tendano, in media (e aggiustando la performance per il rischio) a fare meglio delle large cap. “Questo ha senso, considerato che di solito sono un investimento più rischioso, rispetto alle grandi e, di conseguenza, possono dare un miglior rendimento”, spiega Ben Johnson, uno dei responsabili della ricerca di Morningstar. Ci sono poi altre ragioni che rendono meno efficiente questo segmento rispetto ad altri creando delle sacche di opportunità. Una è il fatto che, nella maggior parte dei casi, si tratta di aziende che non sono molto seguite dagli analisti. E’ normale quindi che i migliori rendimenti siano intascati da chi fa un po’ di lavoro in più.

Quando le piccole corrono
Ci sono però alcune precisazioni da fare. “L’andamento delle small cap non è regolare nel corso dell’anno”, spiega Alex Bryan, analista di Morningstar. “La maggior parte del premio che questo tipo di asset offre è concentrato, ad esempio, nel mese di gennaio. Di solito si notano le vendite sui titoli che hanno perso di più a dicembre. Il mese seguente, quando la selling pressure diminuisce, le small cap – e in particolare quelle più liquide - hanno i maggiori guadagni”. C’è poi la questione delle valutazioni. “Se il mercato decide di concentrarsi sulle large cap, allora può mettere da parte le piccole. Anche se sono di buona qualità”, dice l’analista. In questo senso va detto che il proliferare dei fondi dedicati alle small cap ha reso questi tipo di azioni più liquide che in passato.

Conviene investire in questo tipo di asset?
“Un portafoglio di sole small cap, a causa dell’andamento incostante di questo tipo di titoli non dà le stesse sicurezze di uno dedicato alle large cap”, risponde Bryan. “Tuttavia offre benefici in termini di diversificazione, soprattutto su un orizzonte geografico internazionale. A loro favore gioca la decorrelazione che possono avere i diversi mercati regionali. Il segmento delle piccole aziende, inoltre, permette di avere accesso al premio che offrono le micro cap. Da questo punto di vista, però, conviene evitare gli strumenti passivi che, essendo costruiti su degli indici, tendono a non avere esposizione sulle società meno liquide”.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.