Dove la tutela dell’ambiente è una priorità

Il 2017 potrebbe essere un anno record per i green bond. I cambiamenti climatici preoccupano non solo i governi, ma anche le aziende. Europa virtuosa, bocciati gli Stati Uniti. Bene l’Italia.

Sara Silano 02/11/2017 | 15:06

Dal 6 al 17 novembre, Bonn ospiterà la Conferenza mondiale sul clima promossa dalle Nazioni Unite e nota con l’acronimo di Cop23. L’obiettivo principale sarà quello di tradurre in azioni concrete l’accordo siglato a Parigi due anni fa (Cop21) per limitare l’innalzamento delle temperature e le conseguenze che sono già sotto gli occhi di tutti (siccità, inondazioni, ecc.). Intanto, recentemente il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione non vincolante contro le emissioni di CO2, con l’obiettivo di azzeramento entro il 2020. Ma dall’altra sponda dell’Oceano, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato di voler uscire dall’intesa siglata nella capitale francese dal suo predecessore nel 2015.

Obbligazioni sempre più green
Mentre le sfide per i governi restano molte, gli investitori hanno spinto il piede sull’acceleratore. Secondo il Climate bond initiative, nel 2017 le emissioni delle obbligazioni verdi (green bond) potrebbero toccare i 150 miliardi di dollari, contro gli 82 miliardi del 2016. Nella prima metà dell’anno, si legge in una nota di MainStreet Partners, ci sono stati debutti per 55 miliardi, il 38% in più rispetto allo stesso periodo del 2016.

Oltre alla Banca europea per gli investimenti (Bei), primo (nel 2007) e più grande emittente al mondo, si sono affacciati nel tempo altri operatori, tra cui alcune nazioni (Francia, Polonia, ma anche paesi emergenti come Cina ed India), banche (compresa l’italiana Intesa Sanpaolo) e imprese (Apple e Iren per citare due esempi degli ultimi mesi).

I green bond servono per finanziare progetti per le rinnovabili, le reti di trasporto sostenibili, l’efficienza energetica e idrica, la costruzione di edifici a basso impatto ambientale, ecc. “Tutte queste iniziative hanno ricadute positive e rispettose del clima, attenuando i rischi dei tradizionali strumenti a reddito fisso”, spiega MainStreet Partners. “Dal momento che le obbligazioni verdi hanno un elevato grado di trasparenza, gli investitori possono anche quantificare i vantaggi degli investimenti fatti utilizzando parametri accessibili (ad esempio, la riduzione di CO2 o i gigawatt/ora (GWh) di energia pulita prodotta)”.

Dove sono le aziende più attente all’ambiente
Ma dove si possono trovare le aziende più attente all’ambiente? Secondo il Morningstar Sustainability Atlas, lo studio che mappa gli indici azionari di 27 paesi per valutarne il grado di sostenibilità, i mercati europei sono nettamente i leader, con la Francia al primo posto, grazie agli alti punteggi di società come Total, Sanofi, BNP Paribas e Axa.

Morningstar Sustainability Atlas - Environment Score ottobre 2017

L’Italia è nel secondo miglior quintile. In base ai rating di Sustainalytics, le aziende più virtuose dal punto di vista ambientale sono Edison, Prysmian, Telecom Italia e Terna (tutte sopra gli 80 punti, in una classifica che va da 0 a 100). Non brillano gli Stati Uniti, che sono al pari con l’India e sorpassati da alcuni emergenti, tra cui il Brasile e il Sud Africa. Tra i peggiori in assoluto ci sono la Cina, la Russia, l’Indonesia e molti stati del Medio oriente.

Le società italiane con il più alto punteggio Ambientale secondo Sustainalytics

 

Leggi tutti gli articoli di Morningstar sugli investimenti sostenibili.

Per maggiori informazioni sugli investimenti sostenibili e il Morningstar Sustainability Rating, visita il mini-sito dedicato.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo
Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Edison Spa Az. di risp. non conv.0,92 EUR-0,22-
Prysmian SpA18,38 EUR-2,75-
Telecom Italia SpA0,51 EUR-0,27
Terna SpA4,51 EUR-1,05-
Info autore Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia