26 nuovi prodotti ESG nel terzo trimestre

Da luglio a settembre sono stati lanciati in Europa 25 fondi comuni aperti e un Etf che si dichiarano “socialmente responsabili”. I debutti dall’inizio dell’anno diventano così 94.

Valerio Baselli 02/11/2017 | 09:50

La tematica della sostenibilità continua ad attrarre interesse e il lato dell’offerta non sta a guardare, con il lancio nel terzo trimestre 2017 di 26 nuovi fondi (tra comparti tradizionali ed Exchange traded fund) che dichiarano nella propria politica d’investimento di seguire una filosofia “socialmente responsabile”. Questo porta a 94 le nuove offerte ESG dall’inizio dell’anno al 30 settembre, di cui 11 disponibili anche in Italia.

Tra le 26 novità del trimestre, contiamo otto fondi azionari (tra cui troviamo l’unico Etf della lista). Tre di essi sono esposti al mercato svizzero, tre a quello globale, uno ai paesi scandinavi, un altro ai mercati emergenti e uno solo all’Eurozona.

Ci sono stati poi quattro nuovi lanci obbligazionari: due dedicati alle emissioni in franchi svizzeri, uno ai bond globali ad alto rendimento e l’ultimo esposto alle obbligazioni corporate in euro.

Da segnalare le 11 novità del trimestre tra i fondi bilanciati. Ce n’è per tutti i gusti: da quelli moderati, a quelli flessibili, alle offerte aggressive.

A livello di società di gestione, la più attiva è stata UBS con 10 nuovi lanci nel trimestre, seguita da AG Insurance con due nuove offerte. Tutte le altre società hanno proposto un solo prodotto.

Nella tabella sottostante, i primi dieci fondi ESG lanciati nel terzo trimestre del 2017 per patrimonio gestito al 30 settembre.

Nonostante il trend positivo (secondo un recente sondaggio condotto da State Street Global Advisors, l’80% degli investitori istituzionali incorporano componenti ESG nelle loro strategie di investimento) la realtà del mercato è che i fondi “sostenibili” sono ancora relativamente pochi. In Europa, su oltre 40mila tra fondi ed Etf, solo 1.800 includono ufficialmente un approccio ESG nella loro strategia d’investimento. In questo senso, il Morningstar Sustainability Rating può espandere l’universo di scelta a disposizione di quegli investitori sensibili alle tematiche ambientali, sociali e di governance.

Leggi la Guida Morningstar agli investimenti sostenibili.

Visita il mini-sito dedicato al Morningstar Sustainability Rating

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.