Le Borse portano a casa i soldi

Europa negativa. Il nulla di fatto della BoJ ha alimentato le prese di profitto dopo due giorni di rialzi. Milano (+1,21%) si salva grazie a Saipem, a Telecom e alle popolari. New York nervosa con il Pil sotto le attese. 

Marco Caprotti 28/04/2016 | 17:43

Seduta negativa per quasi tutte le Borse europee. L'attendismo della Bank of Japan, che ha lasciato invariata la sua politica monetaria, ha deluso gli investitori che, nonostante il petrolio si mantenga ai livelli massimi da inizio dicembre 2015, hanno preferito prendere profitto dopo due sedute di rialzi.

Milano (+1,21%) ha cavalcato la corsa di Saipem e il rimbalzo di Telecom Italia. Una buona spinta è arrivata anche dalle popolari. Bene pure Azimut dopo l'ok di Banca d'Italia alla riorganizzazione interna che libererà patrimonio e avvicinerà il dividendo straordinario a fine anno. Debole Tenaris a causa della previsione di due trimestri sotto pressione per vendite e margini. Giù Campari, appesantita dalla raccomandazione reduce (ridurre) emessa da Natixis (da buy, acquistare).

New York nervosa
Wall Street viaggia contrastata con gli investitori alle prese con la peggiore espansione dell'economia Usa nel primo trimestre da due anni a questa parte. Da gennaio a marzo il Prodotto interno lordo americano è cresciuto dello 0,5%. Gli analisti attendevano un rialzo dello 0,7%. Il tutto si verifica all'indomani della decisione della Federal Reserve di lasciare, come previsto, i tassi allo 0,25-0,50%. La Banca centrale Usa ha fatto capire di essere meno preoccupata dall'andamento degli sviluppi economici e finanziari globali, che continua a monitorare. In Borsa, intanto, NBCUniversal, divisione di Comcast, ha annunciato l'acquisizione di DreamWorks Animation per quasi 4 miliardi di dollari. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar