Francia senza tripla A, cosa accade agli Etf

Dopo il secondo declassamento di Parigi, gli investitori in replicanti obbligazionari governativi AAA dell’Eurozona potrebbero avere novità in portafoglio.

Jose Garcia Zarate 27/11/2012 | 11:31

Lo scorso 19 novembre, l'agenzia di rating Moody’s ha annunciato il downgrade dei titoli di Stato francesi dal giudizio AAA, il massimo, a quello Aa1 con outlook negativo. Moody’s ha seguito le orme di S&P, che in gennaio aveva già spogliato i bond francesi della pregiata qualifica. Ad oggi, quindi, Fitch è l'unica agenzia di rating che ancora classifica i titoli di stato emessi da Parigi sotto l'ombrello AAA. Tuttavia, Fitch aveva spostato le prospettive per la Francia da stabili a negative a dicembre 2011 e quindi il rischio è che Parigi potrebbe si ritrovi presto con un downgrade full-house, ovvero emesso dalle tre principali agenzie di rating al mondo.

Con due declassamenti già incassati, gli investitori che possiedono Exchange traded fund, che replicano indici dedicati al mercato dei titoli di Stato giudicati AAA, si stanno probabilmente chiedendo se questi benchamark si trasformeranno presto in strumenti esposti de facto al mercato dei bond governativi tedeschi. In effetti, si potrebbe supporre che i titoli di Stato francesi non possano più far parte di tali indici.

Se l’Etf parla tedesco
In questo caso, il vuoto lasciato dalla Francia dovrebbe essere distribuito tra i restanti mercati a tripla A, con la Germania in testa oltre a Olanda, Austria e Finlandia. Anche se è giusto pensare che gli investitori in bond a tripla A cerchino sicurezza, sarebbe sbagliato pensare che sia saggio mettere i propri soldi in strumenti quasi esclusivamente dedicati al mercato tedesco. Innanzitutto, cercare sicurezza non significa rinunciare a ogni forma di rendimento, come sarebbe nel caso di esposizione solo tedesca. Inoltre, molti investitori semplicemente si rifiutano di valutare i bond francesi come inferiori alla qualità massima, a prescindere da quello che dicono i rating.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Jose Garcia Zarate  is an ETF analyst with Morningstar UK.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies