Manovra finanziaria, non tutto subito

L’aumento dell’imposta di bollo sui dossier titoli ha effetto immediato. Per il cambio di aliquota sul capital gain, c’è solo un disegno di legge.

Sara Silano 12/07/2011 | 08:56

Per comprendere a pieno gli effetti della manovra finanziaria sui risparmiatori è bene cominciare dall’iter normativo e distinguere tra inasprimento dell’imposta di bollo sui dossier titoli e aumento dell’aliquota sui guadagni di capitale.

L’incremento dei bolli sui dossier titoli ha avuto effetto immediato dalla promulgazione del Decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, noto come “manovra correttiva”. Ora i due rami del Parlamento hanno 60 giorni per convertirlo in legge (in realtà ciò potrebbe avvenire in tempi molto brevi). E’ diverso il discorso per il cambio dell’aliquota dal 12,5 al 20% sui redditi  di natura finanziaria (con l’eccezione dei titoli di stato). In questo caso esiste solo un disegno della legge delega, che le Camere dovranno approvare per incaricare il governo ad emanare i decreti legislativi. I tempi, dunque, sono più lunghi essendo previsto un termine triennale per l’esercizio della delega. Difficilmente si vedranno gli esitia breve.

Bolli più cari
I risparmiatori, al momento sono toccati dal provvedimento che riguarda i bolli sui dossier titoli (la tassazione, invece, rimane al 12,5%). L’art. 26 del D.L. prevede un aumento dagli attuali 34,2 euro a 120 euro su base annua da qui a tutto il 2012. Dal 2013, invece, sono stati stabiliti due livelli: per i depositi inferiori a 50 mila euro l’importo da pagare è 150 euro, per quelli superiori a tale soglia sale a 380 euro (sempre su base annua). Al riguardo è stato proposto un emendamento, in sede di esame parlamentare, che rimodula il superbollo per fasce di reddito: chi ha giacenze sotto i 50 mila euro non sarà soggetto ad alcun aumento; tra i 50 mila e i 150 mila euro il bollo salirà a 70 euro annui nell'immediato (230 euro dal 2013); tra i 150 mila e i 500 mila l'incremento sarà prima a 240 mila, poi a 780 euro. Infine, per attività sopra tale soglia, l'onere sarà di 680 euro da subito (1.100 dal 2013).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies