La competizione rimane impari

Il documento di consultazione della Commissione europea su prodotti d’investimento è lacunoso su pensioni e modalità di vendita dei prodotti.

Valerio Baselli 22/12/2010 | 10:05

Lo scorso 26 novembre la Commissione europea ha emesso il documento di consultazione sui Prip, acronimo di Prodotti d’investimento preassemblati. La normativa si pone come scopo di riequilibrare gli obblighi informativi a cui tutti gli strumenti finanziari devono provvedere. Infatti, le  Sgr (società di gestione del risparmio), che producono fondi d’investimento e prodotti assimilati, si sono sempre lamentate del fatto che altri strumenti molto meno trasparenti in materia di commissioni vengano venduti senza che questa discrepanza di trattamento sia chiaramente percepita dai risparmiatori.

Tutti contenti quindi? Non proprio. “A mio giudizio il raggio d’azione della direttiva è meno ambizioso di quanto avrebbe potuto essere e questo è davvero deludente, considerando che si è dibattuto molto sulla normativa negli ultimi mesi”, ha commentato Peter Grimmett, responsabile dello sviluppo normativo dei fondi per M&G Investments, in una nota.

Asimmetria di trattamento
Il nodo del problema è semplice: da tempo le Sgr sostengono che i prodotti d’investimento retail in competizione tra loro, dagli Ucits alle polizze unit linked, ai fondi pensione e i prodotti bancari strutturati, non sono in competizione “ad armi pari” all’interno dell’Unione europea. “Sono anche presenti incongruenze sugli obblighi informativi all’investitore”, prosegue Grimmett. “Da una parte ci sono gli Ucits, prodotti fortemente regolati, con elevati obblighi informativi. Inoltre, da luglio 2011 la direttiva Ucits IV introdurrà nuovi obblighi informativi nella forma di un documento di sintesi di facile consultazione, il KIID – Key Investor Information Document. Dall’altra, esistono prodotti retail caratterizzati da poca trasparenza su costi, commissioni, livello di rischio e così via”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies