I dividendi dei titoli tecnologici stanno cambiando il volto degli investimenti income

Con Alphabet, Meta e Salesforce che pagano dividendi, cosa devono aspettarsi gli investitori?

Bella Albrecht 20/05/2024 | 16:54
Facebook Twitter LinkedIn

US dollar notes

I big tech Alphabet (GOOGL/GOOG), Meta Platforms (META) e Salesforce (CRM) hanno annunciato la distribuzione dei loro primi dividendi, unendosi a un numero crescente di titoli tecnologici più piccoli.

Sebbene gli yield offerti dalla maggior parte dei titoli tecnologici siano relativamente modesti, il loro potenziale di crescita dei dividendi insieme agli utili nel tempo è interessante per molti investitori che puntano sull’aumento della cedola. Ciò sta cambiando il profilo delle strategie dividend growth, allontanandole dai titoli finanziari e da altre società a crescita più lenta. I titoli tecnologici sono passati dal 2,3% dell'indice Morningstar US Dividend Growth (composto da titoli con una storia di crescita ininterrotta dei dividendi e la capacità di sostenere tali incrementi) nel 2003 al 18% alla fine del 2023.

Poiché negli ultimi anni i guadagni sui mercati azionari sono stati trainati dai grandi nomi del settore tecnologico e, più in generale, dai titoli growth, questa dinamica si sta diffondendo negli investimenti in dividendi. Con l'emissione di dividendi da parte di titoli big tech come Meta e Alphabet, le strategie a reddito hanno ora "accesso ed esposizione a quei nomi che hanno guidato il mercato negli ultimi tempi", afferma Matt Quinlan, lead portfolio manager del fondo Franklin Equity Income da 3,9 miliardi di dollari e del fondo Franklin Rising Dividends da 27,4 miliardi di dollari (i dati sono relativi a fondi statunitensi, Ndr).

Tom Huber, gestore del portafoglio del fondo T. Rowe Price Dividend Growth da 24,4 miliardi di dollari, ritiene che la tendenza abbia ancora un margine di crescita. "Ci saranno sempre più opportunità per i dividend growth investors di acquistare titoli tecnologici", afferma.

Per gli investitori c'è un possibile rischio. Se da un lato le strategie growth dividend possono catturare una parte maggiore dei guadagni complessivi del mercato azionario, dall'altro potrebbe anche diminuire il loro appeal come diversificatori di portafoglio. "L'inclusione dei grandi nomi [Meta, Alphabet] in qualsiasi tipo di indice dei dividendi o di crescita dei dividendi è molto probabile che aumenti la loro correlazione con il mercato generale", afferma David Harrell, editor della newsletter Morningstar Dividend Investor.

I trend dei dividendi dei titoli tecnologici

Nella maggior parte dei casi, le società tecnologiche e i titoli growth non prendono la liquidità che generano e la restituiscono agli investitori attraverso i dividendi. La liquidità viene invece reinvestita nell'azienda per alimentare un'ulteriore crescita o restituita agli investitori attraverso il riacquisto di azioni. Tuttavia, l'annuncio dei dividendi da parte delle principali società tecnologiche estende una tendenza in atto da tempo.

"L'abbiamo visto per primo con i semiconduttori", dice Quinlan. Texas Instruments (TXN) ha pagato il suo primo dividendo nel 1985, Analog Devices (ADI) lo ha fatto nel 2003 e Broadcom (AVGO) ha seguito l'esempio nel 2010. "Queste società hanno modelli finanziari interessanti che generano un enorme flusso di cassa", spiega Quinlan. "Possono investire nel business e reinvestire per mantenere le posizioni competitive, pagando al contempo i dividendi".

Anche l'indice Morningstar US Target Market Exposure, che misura la performance del primo 85% dell'universo investibile degli Stati Uniti per capitalizzazione di mercato, ha aumentato il numero di titoli tecnologici che pagano dividendi. Nel 2008, 22 titoli dell'indice pagavano dividendi nel settore tecnologico. Nel 2015 il numero era salito a 41. Alla fine del 2023 erano 47.

10 titoli tecnologici che pagano il dividendo

Al 30 aprile 2024, ecco i 10 titoli tecnologici che pagano dividendi con il peso maggiore nell'indice Morningstar US Target Market Exposure:

• Microsoft MSFT
• Apple AAPL
• Nvidia NVDA
• Alphabet GOOGL/GOOG
• Meta Platforms META
• Broadcom AVGO
• Salesforce CRM
• Cisco Systems CSCO
• Accenture ACN
• Qualcomm QCOM

Più titoli, ma bassi dividendi

Sebbene un maggior numero di titoli tecnologici paghi dividendi, i rendimenti sono bassi. L'indice Morningstar US Technology ha il più basso forward dividend yield di tutti gli indici settoriali Morningstar, pari allo 0,72%. Escludendo il settore immobiliare, i due settori con i rendimenti più elevati sono quello delle utility, con il 3,44%, e quello dell'energia, con il 3,10%.

Huber sostiene che il basso rendimento è in parte dovuto alla mentalità dei team manageriali delle grandi aziende tecnologiche. "Ci vuole tempo prima che le aziende arrivino a un punto in cui capiscono di essere cresciute, mature e di generare più liquidità di quella di cui hanno bisogno", spiega. I dividendi sono un impegno, osserva. "Una volta che si inizia, non si vuole certo tagliare e l'ideale è crescere". Inoltre, alcune aziende temono che il pagamento dei dividendi possa segnalare agli investitori che non si aspettano che la forte crescita continui.

All'interno dell'indice Morningstar US Target Market Exposure, il forward dividend yield medio è dell'1,14%. Il titolo con il rendimento più alto è Cisco, con il 3,42%, mentre quello con il rendimento più basso è Nvidia, con appena lo 0,02%. Inoltre, mentre tutti i titoli del gruppo hanno aumentato l'importo in dollari dei dividendi pagati annualmente negli ultimi 10 anni, solo Qualcomm, Cisco e Broadcom hanno aumentato i loro yield. Accenture, Microsoft, Apple e Nvidia hanno visto i loro rendimenti diminuire significativamente. L'impennata dei prezzi delle azioni e i modesti aumenti dei dividendi li hanno fatti scendere nel tempo, poiché lo yield è una funzione del prezzo di un'azione. Nvidia è l'esempio più estremo: dal 2013 al 2023 il suo yield si è ridotto del 34,09% su base annua, mentre il prezzo delle azioni è salito del 61,89%.

Breakdown del Morningstar US Dividend index

Strategie Dividend Growth vs. Dividend Income

Le strategie sui dividendi rientrano tipicamente in una delle tre categorie: reddito (income), crescita o un mix.

Secondo Quinlan, le strategie dividend income si concentrano generalmente su società ad alto yield, mentre le strategie dividend growth si concentrano su società in grado di "aumentare in modo significativo e costante i loro dividendi nel tempo".

Il fondo Franklin Rising Dividends, un fondo dividend growth, detiene il 22% del suo portafoglio in titoli tecnologici, con nomi come Microsoft, Roper Technologies (ROP), Accenture, Texas Instruments e Analog Devices tra le sue prime 10 partecipazioni. "Tutti questi sono esempi di aziende che ci piacciono e che hanno una crescita interessante in termini di capacità di espandere l'attività e di avere nuovi prodotti innovativi per far crescere il capitale nel tempo", afferma Quinlan. Inoltre, il gestore ritiene che "i loro dividendi, in termini di importi per azione, continueranno a salire". Il fondo T. Rowe Price Dividend Growth detiene anche il 22% di titoli tecnologici, con Microsoft e Apple ai primi due posti del portafoglio.

Per quanto riguarda le strategie income, i titoli tecnologici non sono così diffusi. L'indice Morningstar Dividend Yield Focus, che ha un paniere di titoli con dividend yield interessanti e una forte qualità finanziaria, è composto per l'8% da titoli tecnologici. Si tratta di meno della metà dell'indice Dividend Growth. Il rendimento medio dei titoli dell'indice Dividend Yield Focus è del 3,98%, superiore al rendimento di ogni singolo titolo tecnologico dell'indice Total Market Exposure.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Accenture PLC Class A286,71 USD1,55Rating
Alphabet Inc Class A176,79 USD0,93Rating
Alphabet Inc Class C178,37 USD0,92Rating
Apple Inc212,49 USD-0,82Rating
Broadcom Inc1.735,04 USD3,34Rating
Cisco Systems Inc45,68 USD0,35Rating
Meta Platforms Inc Class A504,16 USD0,01Rating
Microsoft Corp442,57 USD0,22Rating
NVIDIA Corp131,88 USD1,75Rating
Qualcomm Inc215,33 USD-1,14Rating
Salesforce Inc231,94 USD1,27Rating

Info autore

Bella Albrecht  Data journalist di Morningstar.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures