Amazon, Morningstar alza il fair value dopo i conti trimestrali

Il titolo è in rialzo di circa il 6% nelle contrattazioni pre-market di oggi, venerdì 27 ottobre, in scia ai positivi numeri della trimestrale e alle incoraggianti guidance del management.

Dan Romanoff 27/10/2023 | 13:02
Facebook Twitter LinkedIn

amazon

Metriche-chiave per Morningstar di Amazon

- Fair Value: 155USD

- Morningstar Rating: 4 Stelle

- Economic Moat: Ampio 


Il mercato premia i numeri di Amazon. Il titolo è in rialzo di circa il 6% nelle contrattazioni pre-market dopo la pubblicazione dei dati del terzo trimestre, che hanno confermato il buono stato di salute del business, e guidance migliori del previsto per il quarto quarter. Dopo aver alzato le nostre aspettative sulla redditività del gruppo, sulla base degli ultimi risultati e delle indicazioni per i prossimi trimestri, abbiamo deciso di rivedere al rialzo la stima del fair value di Amazon da 150 a 155 dollari per azione.

I numeri del terzo trimestre

I ricavi del terzo trimestre sono saliti del 13% su base annua (+11% a tassi di cambio costanti), raggiungendo quota 143,1 miliardi di dollari, leggermente meglio delle previsioni che indicavano un fatturato di 143 miliardi di dollari. I due segmenti chiave, AWS e pubblicità, sono cresciuti rispettivamente del 12% e del 26% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e i risultati della raccolta pubblicitaria di Amazon continuano a superare quelli dei suoi maggiori competitor.

La redditività del gruppo è stata notevole. L’utile operativo ha raggiunto gli 11,2 miliardi di dollari (le attese erano per un valore di 8,5 miliardi di dollari), con un conseguente margine operativo del 7,8%, in forte aumento rispetto al 2% di un anno fa. Questo è il secondo risultato più alto, relativamente al margine operativo, negli ultimi cinque anni. I segmenti nord America, internazionale e AWS hanno registrato tutti un miglioramento della profittabilità rispetto al trimestre precedente. 

La domanda è stata forte per i beni di prima necessità, mentre la spesa per quelli discrezionali è stata più bassa. Ciò ha senso nel contesto di un’inflazione persistente e di tassi di interesse in rialzo. Dal punto di vista delle vendite al dettaglio, i ricavi dei negozi online sono cresciuti del 7% (anno su anno), i negozi fisici hanno registrato +6%, i servizi di vendita di terze parti (3P) sono saliti del 20% e i servizi di abbonamento sono aumentati del 14%.

Siamo soddisfatti nel vedere che il segmento AWS continua a stabilizzarsi, anche se non ha rispettato le nostre ipotesi sui ricavi. Rispetto al trimestre precedente, Amazon ha incrementato di oltre 900 milioni di dollari le entrate derivanti da questo business, un risultato più o meno in linea con quello che stimiamo abbia ottenuto Microsoft con Azure. Il management dell’azienda rimane ottimista su AWS e continua a investire massicciamente nel segmento. Continuiamo a credere che la migrazione al cloud pubblico sia un'enorme opportunità e che sia nelle prime fasi della sua evoluzione, e siamo convinti che AWS di Amazon sia leader indiscusso in questo mercato.

Cosa aspettarsi nei prossimi quarter

Relativamente alla profittabilità della gestione, apprezziamo gli sforzi fatti da Amazon per aumentare la redditività e riteniamo che ci sia ancora margine per un ulteriore miglioramento. Sapevamo che ci sarebbe voluto del tempo per gestire la massiccia espansione del business, in seguito ai lockdown imposti dal Coronavirus, e la fase successiva che ha visto un forte ritorno agli acquisti nei negozi fisici. Le riduzioni dell’organico hanno aiutato, ma va riconosciuto il merito al management per aver reinventato il business dell’e-commerce sotto forma di otto hub regionali. Sebbene i vantaggi abbiano sorpreso in termini di riduzione dei costi e velocità di consegna, il management ha ammesso che c’è ancora molto da fare.

Considerato il sentiment dei consumatori, riteniamo che le guidance di Amazon siano state positive. Le prospettive dell’azienda per il quarto trimestre sono per ricavi compresi nella forchetta 160 e 167 miliardi di dollari e un utile operativo compreso tra i 7 e gli 11 miliardi di dollari. Questo è in linea con la nostra ipotesi sui ricavi, ma va ben al di sopra delle nostre aspettative relative al reddito operativo. Vediamo un percorso verso un miglioramento continuo della profittabilità nel tempo, anche se questi guadagni non si realizzano in maniera lineare. È importante sottolineare che non stiamo ipotizzando nel nostro modello il verificarsi di una recessione. Infatti, prevediamo una solida crescita nella vendita al dettaglio nel 2024 insieme a un’accelerazione dei ricavi per il segmento AWS.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Amazon.com Inc178,22 USD0,83Rating
Microsoft Corp415,50 USD0,45Rating

Info autore

Dan Romanoff  Analista specializzato nel settore tecnologia.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures