Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

I conti di Intesa Sanpaolo convincono gli analisti

Ricavi in crescita, minore esposizione alla Russia e obiettivo per il 2022 confermato con un utile netto pari a 4 miliardi di euro. Deutsche Bank e Equita Sim hanno alzato il target price a 2,9 euro..

Francesco Lavecchia 22/11/2022 | 15:18
Facebook Twitter LinkedIn

banche

I numeri di Intesa Sanpaolo sono in linea con quelli dei maggiori istituti di credito del paese (link al pezzo DBRS): ricavi in aumento grazie alla risalita dei tassi di interesse e profitti in crescita.

Sul fronte dei ricavi si è registrato un incremento del margine d’interesse dell’8,2%, spinto dall’aumento del costo del denaro, in seguito all’inversione di marcia della politica monetaria intrapresa dalla Bce, ma anche dalla positiva evoluzione dei rapporti con la clientela e degli interessi sugli investimenti in titoli. Mentre le commissioni nette hanno evidenziato un calo del 4,5% a causa della elevata volatilità dei mercati finanziari che ha pesato sul comparto gestione, intermediazione e consulenza, il cui fatturato è sceso di oltre il 10%. In salita del 6,9%, invece, il risultato dell’attività assicurativa.

Per quanto riguarda i costi, alla riduzione delle spese amministrative (-3,2%), si è contrapposta la crescita di quelle legate agli ammortamenti e al personale. Il risultato è stata una contrazione dell’utile operativo del 12,7% rispetto al secondo trimestre e un’ascesa del rapporto cost-to-income (costi operativi/margine di interesse) al 52,6%. 

L’esposizione al mercato russo
Nonostante il buon andamento della gestione operativa, i primi nove mesi del 2022 si sono chiusi con un utile netto consolidato di 3.284 milioni di euro, in flessione del 18% rispetto ai 4.006 milioni del 2021 a causa delle svalutazioni di attività legate ai business in Russia, riconducibili per la quasi totalità ad esposizioni creditizie, che ammontano complessivamente a 1.341 milioni di euro.

Il management ha precisato che il gruppo ha ridotto significativamente i rischi creditizi legati al conflitto russo-ucraino, in particolare nel secondo e terzo trimestre dell’esercizio, riducendo l’esposizione netta verso controparti residenti in Russia e Ucraina del 64% rispetto al 31 dicembre 2021. 

Le prospettive future
In occasione della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre, i vertici della banca hanno confermato gli obiettivi del loro piano industriale 2022-25: utile netto fissato a 6,5 miliardi di euro nel 2025 e a 4 miliardi di euro nel 2022, grazie al forte contributo dell’aumento dei tassi di interesse e alla riduzione dell’esposizione verso la Russia, e un Common Equity Tier 1 (indice di solidità patrimoniale calcolato come rapporto tra il patrimonio netto della banca e le attività ponderate per il rischio) superiore al 12% entro la fine del triennio.

Inoltre, il management ha confermato un payout ratio pari al 70% dell’utile netto consolidato in ciascun anno del piano triennale e la distribuzione di 1,7 miliardi di euro a favore degli azionisti tramite un piano di buyback avviato il 4 luglio e concluso l’11 ottobre 2022.

Sulla base di questi risultati e delle guidance sul margine d’interesse atteso nei prossimi anni, gli analisti di Deutsche Bank hanno alzato il target price di Intesa Sanpaolo a 2,9 euro, da 2,6 euro. Stessa valutazione anche per Equita Sim, che ha rivisto le sue previsioni sui conti della banca in seguito ai risultati del terzo trimestre superiori alle attese.

Green bond per 1 miliardo di euro
Sul fronte degli investimenti ESG, Intesa Sanpaolo ha perfezionato lo scorso settembre una nuova emissione di green bond (la quarta dopo quelle del 2017, 2019 e 2021) per un valore nominale di 1 miliardo di euro, con scadenza a cinque anni e destinata agli investitori istituzionali, che andrà a finanziare tutti i progetti green rientranti nelle categorie elencate nel Green Bond & Sustainability Framework della banca: energie rinnovabili, efficienza energetica, green buildings, clean transportation e circular economy. 

 

Figura 1 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Intesa Sanpaolo2,10 EUR0,58

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia