Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il CEO di Morningstar su ESG, value investing e mercati

In occasione dell’Investment Conference EU, Kunal Kapoor ha parlato spaziando tra vari temi: la situazione dei mercati, come gestire lo stress, gli investimenti sostenibili e il rapporto degli investitori coi loro soldi. 

Ollie Smith 30/09/2022 | 14:50
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Ollie Smith: La Morningstar Investment Conference EU 2022 è iniziata con un discorso programmatico del nostro CEO, Kunal Kapoor, che è qui con me.

Kunal, volevo solo riflettere su dei punti in specifico di cui hai parlato. Hai detto che il mondo attraversa da sempre periodi di cambiamenti. Ma credo che siamo tutti d'accordo che la quantità di cambiamenti che stiamo vivendo in questo momento è fenomenale. Quindi, in questo contesto e, in particolare riguardo a ciò che hai detto sui trade-off, come azienda e nei mercati più in generale, ci sono ancora vittorie facili?

Kunal Kapoor: Beh, per gli investitori ci sono sempre vittorie facili. E non per menare il can per l'aia, ma la cosa migliore che un investitore può fare in questi momenti è non passare troppo tempo a visionare compulsivamente il proprio portafoglio. A volte la visione di lungo periodo, soprattutto in tempi come questi, è la vittoria più facile che si possa ottenere.

Smith: Ci hai mostrato un grafico di una significativa sottovalutazione dei mercati europei.

Kapoor: Già.

Smith: Come investitori value, ti senti in qualche modo giustificato quest'anno dall'approccio di Morningstar, visto quello che è successo all'inizio con i titoli growth?

Kapoor: Beh, separerei il nostro punto di vista attuale da ciò che significa per gli investimenti value. La realtà è che, quando i mercati sono così turbolenti come di recente, è inevitabile che, se si è un investitore a lungo termine, si verifichino alcuni eventi interessanti. L'aspetto diverso oggi è che il livello di sottovalutazione rilevato dai nostri analisti è molto ampio. Circa il 23% se si considera l'intera copertura dell'UE, ed è simile se si considera la copertura che abbiamo negli Stati Uniti e in Asia. Quindi, credo che per un investitore azionario sia difficile guardare al proprio portafoglio giorno per giorno. Ma la cosa giusta da fare è assicurarsi di ribilanciare la parte azionaria e non perdere l'opportunità di creare  valore futuro solo per come ci si è sentiti negli ultimi mesi.

Per quanto riguarda il value investing come argomento a sé stante, ovviamente ha avuto una certa ripresa, ma il value investing ha molti significati per molte persone. Credo che se si guarda alla definizione classica di value investing, che aveva molto a che fare con l'acquisto di azioni depresse, di società che forse non avevano un'attività eccezionale, non so se questo tornerà in voga a breve. Ma se si pensa al value investing nel modo in cui lo pensiamo noi, ossia pagando un prezzo equo per una buona azienda, applicando questa lente ci sono molte aziende in crescita che dal punto di vista della valutazione sembrano davvero buone per i nostri analisti oggi.

Smith: Certo. E, per passare un attimo agli Stati Uniti. Hai accennato brevemente al contraccolpo politico contro l'ESG, che si è verificato in gran parte negli USA. Come ci si sente a essere il CEO di un'azienda con sede negli Stati Uniti?

Kapoor: Penso che, ovviamente, ci siano diversi modi di affrontare la questione. Per me, la nostra missione consiste nel favorire il successo degli investitori. E ciò che mi piace dell'ESG è che si tratta di offrire agli investitori la possibilità di scegliere. Non si tratta di dire che si deve fare una cosa in un modo o nell'altro. I dati ESG possono essere utilizzati per far sì che le persone prendano le parti opposte della stessa serie di dati, e va bene così. È questo il senso dell'investimento. Ciò che rende un mercato tale sono i diversi punti di vista e non credo che l'ESG sia differente, a parte il fatto che probabilmente l'ESG consente di ampliare sempre di più l'insieme delle preferenze che le persone possono utilizzare per costruire un portafoglio. E penso che sia una buona cosa perché molti investitori non sentono un legame con il proprio denaro. E credo che se all'improvviso ci si trova in un luogo in cui si possono esprimere le proprie preferenze, l'impegno nei confronti del proprio denaro sarà probabilmente più alto che mai, il che credo sia una buona cosa.

Smith: Kunal, grazie mille. Per ulteriori informazioni sulla Morningstar Investment Conference EU 2022, visitate uno i nostri siti internet. Alla prossima volta, grazie a Kunal, io sono Ollie Smith per Morningstar.

Vedi altri video sulla Morningstar Investment Conference EU 2022:

MICEU: Ivo Mulder (Nazioni Unite): le opportunità perse per la lotta al cambiamento climatico - Intervista in inglese

MICEU: Come investire in modo responsabile - Intervista in inglese a Chloe Horne (PRI)

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Ollie Smith  è editor di Morningstar UK