Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Come difendersi dalla crisi della supply chain

3 idee di investimento per posizionarsi sulle aziende che sono meglio attrezzate per far fronte alla carenza degli approvvigionamenti di materie prime.  

Francesco Lavecchia 12/07/2022 | 10:15
Facebook Twitter LinkedIn

idee di investimento

Titolo: Advanced Micro Devices
IsinUS0079031078
Rating Morningstar: 5 Stelle 

Advanced Micro Devices (AMD) progetta microprocessori per il mercato dei personal computer e dei data center e fornisce i chip che si trovano in importanti console di gioco come la Sony PlayStation e la Microsoft Xbox.

Gli analisti di Morningstar riconoscono a AMD un Economic moat nella misura di Medio per via del valore delle sue licenze per la produzione e il design dei chip che le consentono di ricavare margini di profitto generosi sui prezzi di vendita. L’azienda esternalizza parte della sua produzione a terze parti come la Taiwan Semiconductor Manufacturing e GlobalFoundries e recentemente ha investito ingenti capitali per assicurare le sue commesse (aggiungi link).

“Il management ha recentemente confermato la stima di crescita dei ricavi per il 2022, pari a +60%, e le previsioni per i prossimi cinque anni, nei quali si attende un progresso medio del fatturato del 20%, superiore alle nostre aspettative. A spingere le vendite, secondo l’azienda, sarà l’espansione del mercato dei chip che nei prossimi anni dovrebbe superare quota 300 miliardi di dollari”, dice Phelix Lee, analista azionario di Morningstar (report aggiornato al 20 giugno 2022).

Il titolo ha ceduto quasi il 40% da inizio anno (in euro al 7 luglio 2022) e ora è scontato del 40% rispetto al fair value di 130 dollari.

 

Titolo: General Motors
IsinUS37045V1008
Rating Morningstar: 5 Stelle

General Motors non gode di una posizione di vantaggio competitivo, ma gli analisti di Morningstar sono fiduciosi che la strategia messa in piedi dal gruppo americano possa tradursi in una crescita del fatturato nei prossimi anni.

“La chiusura di alcuni stabilimenti e lo spostamento del fondo pensione dei lavoratori in un fondo separato dalla gestione dell’azienda hanno permesso a GM di aumentare le economie di scala e di migliorare la redditività. Inoltre, General Motors è tra le case produttrici in prima fila nel passaggio al segmento elettrico. Il management ha annunciato l’obiettivo di vendere solo veicoli a emissioni zero entro il 2035 confermando investimenti per il quinquennio 2020-2025 per 35 miliardi di dollari”, dice David Whiston, analista azionario di Morningstar. L'intenzione di GM, aggiungono gli analisti, è quella di diventare una "società di dati automobilistici" piuttosto che una semplice casa automobilistica. L’acquisizione di Cruise, che offre un servizio di robo-taxi a guida autonoma, la posiziona nel segmento del ride-hailing insieme alle più famose piattaforme Uber e Lyft, mentre quella di OnStar le permette di entrare in quello assicurativo attraverso la raccolta e la gestione dei dati dei veicoli.

L’azienda sta inoltre investendo per sviluppare una propria tecnologia di batterie per veicoli elettrici che le garantirà un maggior grado di indipendenza dalle forniture di componenti.

Al momento il titolo è scambiato a un tasso di sconto di oltre il 50% rispetto al fair value di 70 dollari stimato dagli analisti (report aggiornato al 2 luglio 2022).

 

Titolo: Mattel 
IsinUS5770811025
Rating Morningstar: 4 Stelle 

Mattel è una delle aziende più grandi nel settore dei giocattoli. Le sue dimensioni le consentono di finanziare nuovi prodotti, espandersi nei mercati emergenti ad alta crescita ed effettuare acquisizioni. Inoltre, il portafoglio di marchi rende possibile lo sfruttamento di partnership con case di produzione televisive e cinematografiche. Per queste ragioni gli analisti di Morningstar riconoscono a Mattel una posizione di vantaggio competitivo (Economic moat pari a Medio).

Il programma di razionalizzazione dei costi le ha permesso negli ultimi anni di migliorare in maniera significativa i margini di profitto e di risparmiare risorse che sono investite per elevare ulteriormente la forza dei suoi marchi. Gli analisti di Morningstar vedono nella crescita dell’inflazione e nella crisi di approvvigionamento delle materie prime le principali minacce alla sua profittabilità nel breve termine, ma riconoscono all’azienda la bontà della decisione di aver investito 50 milioni di dollari in uno stabilimento di produzione in Messico (link al pezzo).

Gli analisti prevedono per i prossimi cinque anni una crescita media dei ricavi del 5% e un margine operativo in espansione dall’attuale 14% al 15,6% nel 2026 e stimano un fair value pari a 27,50 dollari (report aggiornato al 2 maggio 2022). Al momento il titolo è scambiato a un tasso di sconto del 15% ed è valutato con un Morningstar rating di 4 stelle.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Advanced Micro Devices Inc67,90 USD2,71Rating
General Motors Co35,80 USD8,91Rating
Mattel Inc19,64 USD2,94Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia