Le telecom europee sperano nelle M&A

Il settore soffre di una scarsa profittabilità a causa dell’elevata concorrenza. Il suo consolidamento, dicono gli analisti, potrebbe migliorare i margini delle aziende e spingere al rialzo le loro quotazioni di Borsa.

Francesco Lavecchia 12/04/2022 | 10:42
Facebook Twitter LinkedIn

telecom

Occhio alle telecom europee. Al momento il settore è scambiato a un discreto tasso di sconto, ma l’avvento di una nuova stagione di M&A potrebbe dare la spinta alle quotazioni delle stock del comparto.

L’indice Morningstar European Communication Services ha sottoperformato da inizio anno il Morningstar European Index e ora le azioni del settore coperte dai nostri analisti sono scambiate a un rapporto Prezzo/Fair value medio di 0,91 e la maggior parte di esse viene valutata con un Morningstar rating di tre o quattro stelle. Il recente annuncio di Orange di volere finalizzare una fusione delle sue attività in Spagna con MasMovil, dicono gli analisti, potrebbe dare il via a una nuova stagione di M&A tra le società del settore telecomunicazioni nel Vecchio continente.

Perché fare il tifo per le M&A
Gli operatori dell’industria fanno il tifo per una svolta in questo senso poiché il consolidamento dell'infrastruttura di rete, a loro avviso, è l'unico modo per supportare investimenti di rete e migliorare un contesto competitivo molto complicato.

La decisione di Orange è figlia delle difficoltà attraversate negli ultimi anni nel mercato spagnolo. Per questo motivo il consolidamento del settore ridurrebbe da quattro a tre i player sul mercato garantendo la stabilità dei prezzi e realizzando sinergie di costo.

“Se l'accordo dovesse ottenere il via libera da parte delle autorità amministrative, della concorrenza e di regolamentazione competenti potrebbe essere il punto di partenza per una nuova ondata di M&A nella regione, anche perché negli ultimi sei mesi i dirigenti di Deutsche Telekom, Telefonica e Vodafone, tra gli altri, sono stati molto espliciti sulla necessità di realizzare delle sinergie attraverso il consolidamento dell’industria”, dice Javier Correonero, analista azionario di Morningstar.

Tuttavia, i precedenti storici non sono incoraggianti. Il settore delle telecomunicazioni in Europa è stato sempre soggetto a un forte controllo da parte delle autorità di regolamentazione che hanno bloccato nel recente passato molte operazioni di fusione e acquisizione. Alcuni esempi sono i mancati accordi tra O2 e CK Hutchison nel Regno Unito (2016), quello tra Telenor e Telia in Danimarca (2015) e diversi altri tentativi in Francia. Alcuni deal hanno avuto la benedizione da parte delle autorità di regolamentazione, ma i correttivi richiesti per dare l’ok all’operazione hanno avuto l’effetto di annullare quello che era lo scopo iniziale della fusione. Un esempio, in questo senso, è l’accordo raggiunto in Italia nel 2018 tra Wind e Tre che venne condizionato dal regolatore all’ingresso di un nuovo quarto player dopo la fusione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Analisi

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
CK Hutchison Holdings Ltd53,05 HKD-0,56Rating
Deutsche Telekom AG19,22 EUR1,43Rating
Orange SA11,28 EUR0,53Rating
Telefonica SA4,86 EUR0,00Rating
Telenor ASA133,65 NOK2,02Rating
Telia Company AB39,66 SEK1,23Rating
Vodafone Group PLC127,36 GBX0,55Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia