Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

3 stock per investire nei megatrend

Ecco i titoli che permettono di posizionarsi al meglio sui temi del consumo di cannabis negli Usa, dell’auto elettrica e delle energie rinnovabili.  

Francesco Lavecchia 19/05/2021 | 07:51
Facebook Twitter LinkedIn

idee di investimento

Quali sono i titoli che ci permetteranno di cavalcare i trend di domani? Nonostante alcuni temi di investimento siano ormai noti da tempo e i listini globali abbiamo guadagnato quasi il 10% da inizio anno (indice Morningstar Global Markets al 12 maggio 2021, in euro) è ancora possibile posizionarsi con profitto su alcuni mercati, come quello della cannabis, delle energie rinnovabili e dell’auto elettrica, che promettono una forte crescita nei prossimi 10 anni.

Il trend del consumo di cannabis negli Usa
Il mercato più interessante per il settore della cannabis è senza dubbio quello statunitense. In questo momento, il giro d’affari complessivo del consumo legale di cannabis negli Usa è stimato a oltre 10 miliardi di dollari ma, secondo i calcoli degli analisti di Morningstar, entro il 2030 tale cifra potrebbe raggiungere gli 80 miliardi di dollari. Al momento il consumo, anche per uso ricreativo, è consentito in diversi Stati (Colorado, Washington D.C., Alaska, Oregon, California, Massachussets, Maine, Nevada, Vermont), ma la svolta potrebbe arrivare dalla riforma a livello federale proposta in Senato dai Democratici. La legalizzazione dell’uso ricreativo in tutto il Paese, dicono gli analisti, darebbe la possibilità alle finanze pubbliche di reperire nuore risorse e avrebbe sicuramente l’effetto di attrarre molti consumatori che fino a questo momento si sono rivoli al mercato nero.

Curaleaf offre agli investitori piena esposizione alla crescita del consumo di cannabis negli Usa per effetto della sua presenza in 23 Stati del paese e, a differenza dei produttori canadesi, il gruppo è ben integrato verticalmente grazie ai suoi 12 siti di coltivazione, 19 siti di lavorazione e 44 punti vendita.

Curaleaf si è concentrata principalmente sul mercato della cannabis per uso medico ma, grazie a una nuova acquisizione, ha allargato la sua esposizione anche a quello per uso ricreativo e a quello europeo. Nel marzo 2021 ha rilevato un produttore europeo di cannabis, EMMAC Life Sciences, e questa operazione, nonostante sia di piccole dimensioni, dimostra l’impegno ad aprirsi ai mercati internazionali. Gli analisti di Morningstar stimano una crescita media dei ricavi di circa il 21% fino al 2030, spinta da un aumento del 20% dei volumi di vendita della cannabis per uso ricreativo negli Usa e del 14% di quelle per uso medico in Europa, e valutano Curaleaf con un fair value di 30 dollari canadesi (report aggiornato al 10 maggio 2021).

La crescita dell'auto elettrica
Il segmento elettrico è sicuramente il futuro del settore automobilistico. In base agli studi di Morningstar, l’adozione delle auto elettriche aumenterà una volta che sarà raggiunto il pareggio in termini di costi di produzione e autonomia con quelle con motore a combustione interna (MCI), cosa che potrebbe accadere già nel 2025, e si stima che nel 2030 un’auto su cinque tra quelle vendute a livello globale sarà elettrica. 

Secondo gli analisti di Morningstar BorgWarner è tra le aziende del comparto della componentistica meglio posizionate per trarre vantaggio dalle restrittive legislazioni mondiali in tema di emissioni inquinanti delle auto e, grazie alle acquisizioni di Remy nel 2015 e di Delphi Technologies nel 2020, è in prima linea per cavalcare la crescita della domanda di vetture ibride ed elettriche. Il gruppo americano ha dimostrato negli anni una grande capacità di innovare costantemente i suoi prodotti e di maturare un vantaggio di costo rispetto ai competitor. Due fattori che garantiscono all’azienda un Economic moat nella misura di medio. Gli analisti di Morningstar hanno recentemente alzato la stima del fair value del titolo da 66 a 73 dollari in seguito al miglioramento delle previsioni relative alla crescita dei ricavi (+5% medio nei prossimi cinque anni) e del margine operativo. Al momento il titolo è scambiato a un tasso di sconto superiore al 30% (report aggiornato al 5 maggio 2021).

Il tema delle energie rinnovabili
Nel settore energetico ci si aspetta una continua crescita dell’industria delle rinnovabili. Secondo gli studi di Morningstar, la transizione dai combustibili fossili non si completerà nei prossimi 9 anni ma l’energia prodotta da fonti green dovrebbe salire dall’attuale 8% al 22%. Uno dei modi per cavalcare questo trend, dicono gli analisti, è investire nelle società che forniscono le infrastrutture di supporto alle rinnovabili e, tra queste, Edison International è quella scambiate ai prezzi più vantaggiosi.

Il gruppo statunitense controlla la Southern California Edison, utility che fornisce energia elettrica nell’area della California meridionale (esclusa Los Angeles). Lo Stato della West Coast ha fissato obiettivi molto sfidanti per ciò che concerne la capacità di generare energia pulita (entro il 2045 il 100% dell’energia dovrà essere prodotta da fonti rinnovabili), ma per raggiungerli il Governo dovrebbe porre in atto le condizioni necessarie perché le aziende private possano realizzare i loro investimenti e continuare a essere profittabili. Edison ha un piano di sviluppo di cinque miliardi di dollari nei prossimi quattro anni che, in base alle previsioni degli analisti, dovrebbe spingere la crescita degli utili dell’azienda a un ritmo medio del 6%. Il titolo ha ceduto quasi l’8% da inizio anno (in euro al 12 maggio 2021) e ora è scontato del 20% rispetto al fair value di 70 dollari (report aggiornato al 29 aprile 2021).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Settimana speciale dedicata agli investimenti tematici.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
BorgWarner Inc46,63 USD0,00Rating
Curaleaf Holdings Inc5,19 CAD0,00Rating
Edison International66,81 USD0,00Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia