Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Gli indici sostenibili passano il test del 2020

La maggior parte ha ottenuto performance migliori dei panieri tradizionali e protetto di più dai ribassi. La selezione dei titoli ha fatto la differenza.

Sara Silano 14/04/2021 | 15:23
Facebook Twitter LinkedIn

Investimenti sostenibili

Nel 2020, il 75% degli indici Morningstar sostenibili ha battuto i corrispondenti tradizionali. Nell’anno del crollo vertiginoso delle Borse a marzo a causa dello scoppio della pandemia di Covid-19 e del successivo rally, i panieri che considerano i rischi legati ai fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) hanno dimostrato una certa resilienza agli shock. Lo conferma anche il fatto che il 91% ha perso meno nelle fasi di ribasso degli ultimi cinque anni. Tutto merito, come molti affermano, del sovrappeso dei titoli tecnologici, che sono stati tra i protagonisti, e del sottopeso degli energetici?

Indici sostenibili, occhio alla selezione azionaria
Un rapporto sugli indici Morningstar rivela, in realtà, che la questione è più complessa. Partiamo dall’analisi della famiglia di Sustainability index, che sono basati sull’esclusione di aree critiche come le armi e il tabacco, oltre che di imprese con alte controversie, e sulla selezione delle società con il più basso ESG risk rating assegnato da Sustainalytics (gruppo Morningstar). In tutto sono 21 benchmark geografici (regionali e su singoli paesi). 18 di essi hanno battuto i corrispondenti tradizionali nel 2020, con l’eccezione dell’azionario globale, statunitense e canadese. I primi due hanno sofferto per la mancanza di titoli come Tesla, Amazon e Alphabet a causa del loro elevato rischio riconducibile a fattori ambientali, sociali o di governance. In Europa e Asia, per contro, la selezione azionaria ha determinato performance migliori. Nel Vecchio continente, a fare la differenza è stato il sovrappeso di società come ASML, Louis Vuitton Moet Hennessy, and Vestas Wind Systems e l’esclusione di Hsbc. Il confronto tra panieri sostenibili e tradizionali è a vantaggio dei primi anche su un orizzonte temporale di cinque anni.

Profilo di rischio/rendimento dei Morningstar Sustainability index a confronto con i tradizionali

Profilo di rischio/rendimento dei Morningstar Sustainability index a confronto con i tradizionali

I leader ESG battono gli indici tradizionali
I risultati sono ancora più netti se consideriamo la famiglia dei Morningstar Sustainability leader index, i cui panieri rispondono a criteri più stringenti, come l’esclusione di più aree critiche rispetto ai precedenti (gioco d’azzardo, alcol, intrattenimento per adulti), così come di aziende con alte controversie, elevato carbon risk e che non aderiscono al Global compact delle Nazioni Unite. Nel 2020, tutti i 10 indici di questo tipo hanno battuto quelli corrispondenti tradizionali e su un orizzonte di cinque anni lo hanno fatto in nove. “E’ bene ricordare che sono benchmark più concentrati”, afferma Dan Lefkovitz, index strategist di Morningstar. “Di conseguenza, aumentano i margini di sovra-sottoperformance. Ad esempio, la concentrazione è stata favorevole nei panieri globale e statunitense, perché la maggior esposizione a tecnologici come Nvidia e Adobe ha incrementato i rendimenti. Ma la minor diversificazione si è anche tradotta in un più elevato downside capture ratio (misura di quanta parte del ribasso del mercato è stata catturata dall’indice, Ndr)”.

Profilo di rischio/rendimento dei Morningstar Sustainability leader index a confronto con i tradizionali

Profilo di rischio/rendimento dei Morningstar Sustainability leader index a confronto con i tradizionali

Indici ambientali e low carbon, risultati diversi
Infine, diamo uno sguardo alla famiglia di indici ambientali, composti da aziende che agiscono nel rispetto della natura, dotandosi di standard e procedure per la gestione dei rifiuti, l’uso efficiente dell’acqua, il controllo dell’inquinamento, ecc. In sostanza, cercano di limitare il loro impatto sull’ambiente e il carbon risk. Nel 2020, tutti e dieci i benchmark di questo tipo hanno battuto i corrispondenti tradizionali e lo stesso è accaduto nel quinquennio, con l’eccezione dell’azionario paesi nordici. Nella quasi totalità dei casi, inoltre, hanno protetto di più gli investitori durante i ribassi delle Borse.

Profilo di rischio/rendimento dei Morningstar Sustainable environment index a confronto con i tradizionali

Profilo di rischio/rendimento dei Morningstar Sustainable environment index a confronto con i tradizionali

Hanno rappresentato una nota fuori dal coro i panieri Low carbon risk, composti dalle aziende allineate con la transizione verso un’economia a basse emissioni di CO2. Solo due su dieci indici hanno sovraperformato i tradizionali nel 2020 e otto l’hanno fatto nel quinquennio. A penalizzarli è stata soprattutto la minore esposizione ai titoli tecnologici che sono saliti molto l’anno scorso, come Apple e Amazon.

I rischi ESG sono anche finanziari
“Le performance degli indici sostenibili negli ultimi cinque anni sono incoraggianti”, commenta Lefkovitz. “Le evidenze suggeriscono che i rischi ESG sono materiali dal punto di vista finanziario. Inoltre, le sovraperformance non si spiegano solo con l’esposizione settoriale, ma nella maggior parte dei casi è più rilevante la selezione dei singoli titoli”. Questi risultati, seppur incoraggianti per chi vuole investire in modo sostenibile, non sono garanzia di performance ugualmente superiori in futuro.

L'articolo è stato pubblicato la prima volta su We Wealth il 7 aprile 2021.

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai alla sezione Morningstar dedicata agli investimenti sostenibili.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Adobe Inc326,78 USD-0,67Rating
Amazon.com Inc92,42 USD-1,63Rating
Apple Inc141,17 USD-2,11Rating
ASML Holding NV559,80 EUR-1,24Rating
LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE702,00 EUR0,47Rating
NVIDIA Corp156,39 USD-1,19Rating
Vestas Wind Systems A/S176,08 DKK0,66Rating

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia