Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

2018 da record per le M&A

Nonostante la volatilità dei mercati azionari e il rallentamento dell’economia, l’anno scorso le operazioni in Usa e in Europa hanno superato i 3mila miliardi di dollari.

Marco Caprotti 19/02/2019 | 14:49
Facebook Twitter LinkedIn

Tecnologia e media hanno dettato la linea. È merito di questi due settori, infatti, se il 2018 è stato archiviato come il quinto anno consecutivo in cui l’attività di fusioni e acquisizioni in nord America e in Europa ha registrato un risultato superiore ai 3mila miliardi di dollari.

Meno deal ma più ricchi
pitch3

 

Il dato emerge dall’ultimo report di Pitchbook sulle M&A a livello globale dell’anno scorso. “Il risultato è di particolare rilievo, considerando la frenata degli indici che si è vista sulle due sponde dell’Atlantico”, dice lo studio. Anche il segmento materials & resources, guidato dall’acquisizione di Monsanto da parte di Bayer, ha avuto un buon risultato. “Va sottolineato che, nel corso dell’anno, i tassi di interesse in Usa sono saliti rendendo i finanziamenti per le acquisizioni più costosi”, continua il report. “Il costo del denaro è rimasto stabile in Europa: l’economia della regione sta rallentando e diversi paesi – inclusi Germania e Francia – sono vicini alla recessione”.

Il buon andamento di queste operazioni ha tenuto le valutazioni alte, con multipli che si sono avvicinati a quota 10. “Curiosamente questi multipli sono cresciuti in Europa, raggiungendo livelli record, mentre sono scesi in Usa”, continua il report. “Quanto successo nel Vecchio continente è dovuto in parte al balzo del valore mediano delle operazioni, cresciuto del 32,4% rispetto all’anno precedente (arrivando a 34,2 milioni di dollari), perché le operazioni più grandi tendono a trattare a multipli più alti”. I deal transnazionali sono stati colpiti dall’ondata di protezionismo che ha attraversato alcune regioni. “Questo è vero soprattutto per quanto riguarda gli Stati Uniti che con la loro retorica isolazionista hanno scoraggiato i possibili acquirenti. Soprattutto cinesi”, spiega lo studio. “Altre regioni stanno frenando per quanto riguarda la globalizzazione. Inoltre la crescita mondiale è in una fase di stallo e questo, di solito, tende a diminuire le fusioni cross border”.

La forte attività di M&A sui due lati dell’Atlantico ha portato il valore dei deal al secondo livello più alto mai registrato. L’anno è terminato con 19.501 operazioni chiuse (-15,6%) per in valore totale di 3.600 miliardi di dollari (+6,3%). Il totale è inferiore dell’1,8% rispetto a quello massimo del 2016. Rispetto a quell’anno, il numero di operazioni è sceso del 20%. “In una situazione di tassi in crescita, probabilmente gli acquirenti hanno preferito muoversi con il costo del denaro ancora reativamente basso”, dice il report. Il 2018 è stato un anno di operazioni importanti di cui sei sopra i 50 miliardi di dollari. L’acquisizione da parte del gigante delle Tlc, AT&T, di Warner Media per 85 miliardi è stata la transazione più grande. “La mossa ha creato una società che assomiglia vagamente a Comcast dopo l’acquisizione di NBC Universal”, dice il report. “Il deal mostra anche come i distributori di contenuti puntino ai creatori”.

Nel settore risorse e materiali, l’operazione Bayer-Monsanto ha dato il via a un’ondata di matrimoni simili. Per avere l’ok delle autorità Bayer ha dovuto cedere due business unit a Basf. Nel frattempo Carlyle Group si è lanciata su Aknozobel Specialty Chemicals sborsando 11,8 miliardi.

“In generale, i discorsi su un rallentamento dell’economia stanno portando a un calo delle M&A”, dice il report. “Questo fattore, tra l’altro, potrebbe contribuire alla frenata della congiuntura globale”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.