Banche nel radar degli investitori value

I titoli degli istituti di credito, dicono gli analisti di Morningstar, sono quelli con lo sconto più alto a livello globale e possono essere una buona occasione per chi va a caccia di valore.

Marco Caprotti 13/02/2019 | 09:51

Meglio non dimenticarsi delle banche. Il valore e le quotazioni più interessanti, dicono gli analisti di Morningstar, si trovano proprio fra gli istituti di credito. Soprattutto in un momento in cui ci potrebbero essere aumenti dei tassi di interesse e in una fase in cui i gruppi finanziari hanno dato una profonda ripulita ai bilanci.

“Basta dare un’occhiata alla composizione dell’indice Msci World Value Weighted (un paniere che enfatizza soprattutto le società con le valutazioni più basse, Ndr), per accorgersi che delle 10 società più a sconto, la metà sono banche”, spiega David Brenchley, analista di Morningstar. “I nomi sono quelli di Bank of America, JPMorgan Chase, Citigroup, Wells Fargo e HSBC. In generale le banche a livello globale, secondo i calcoli di UBS, trattano a un rapporto prezzo/valore di libro di 0,9”. Per definizione le azioni value sono quelle che hanno un basso rapporto prezzo/valore di libro (P/B), bassi multipi nel rapporto prezzo/utili (P/E) previsto per i prossimi 12 mesi e un alto dividend yield.

I problemi delle banche
Non sorprende che le banche non siano fra le favorite degli investitori: i correntisti non si fidano e, anche a livello politico, sono spesso messe all’indice per il ruolo avuto nelle crisi finanziarie che hanno attraversato gli Stati Uniti e l’Europa a partire dal 2007 (per tacere degli scandali che hanno bruciato i risparmi di intere comunità, anche in Italia). “Le tempeste, tra l’altro, hanno dato il via a un periodo di bassi tassi di interesse che non ha fatto bene ai bilanci degli istituti”, dice l’analista. “Le banche preferiscono le fasi in cui il costo del denaro è più alto: maggiore è lo spread fra quello che danno ai risparmiatori e quello che guadagno dai depositi, più intascano”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar