Oltre il dividend yield, c’è la sostenibilità

Gli Etf specializzati sui titoli con alte cedole utilizzano criteri diversi per costruire il portafoglio. Ecco le caratteristiche da tenere in considerazione.

Sara Silano 23/11/2018 | 07:45

Le strategie sui dividendi non sono tutte uguali. Se un investitore vuole un Etf (Exchange traded fund) specializzato sui titoli con cedole generose non deve fermarsi all’etichetta. In primo luogo, deve sapere che questi strumenti appartengono alla famiglia degli Strategic beta, ossia sono fondi passivi che non seguono i tradizionali indici a capitalizzazione. In secondo luogo, fanno parte del gruppo di prodotti orientati al rendimento, che si pongono l’obiettivo di ottenere ritorni migliori rispetto ai benchmark standard. In terzo luogo, il paniere è costruito sulla base di vari criteri, tra cui il tasso di distribuzione agli azionisti (payout ratio), il tasso di crescita o la stabilità della cedola nel tempo. Infine, ci sono Etf che combinano anche altri approcci, come ad esempio la bassa volatilità.

Per cogliere le differenze, è necessario guardare a come è costruito l’indice, in particolare a tre caratteristiche: il dividend yield, la crescita dei dividendi e la sostenibilità nel tempo.

Dividend yield
Il dividend yield è un indicatore di rendimento dato dal rapporto tra il dividendo staccato da un'azione e il prezzo di mercato della stessa. Viene utilizzato nella valutazione di un’azienda a confronto di un’altra o di un gruppo omogeneo di società. Un valore più alto indica una migliore capacità di remunerare il capitale investito. Si tratta, tuttavia, di una misura statica, che da sola non è sufficiente. A livello di portafoglio di un Etf si può utilizzare il dato “Yield 12 mesi”, disponibile anche nelle schede dei fondi, che è il risultato del totale dei pagamenti di dividendi del fondo diviso per il valore patrimoniale netto (Nav), più le eventuali plusvalenze distribuite nel periodo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies