L’industria del risparmio deve tirare fuori i suoi talenti

La maggiore trasparenza imposta da Mifid II renderà sempre più difficile aumentare i costi per mantenere invariati i ricavi. Cresce la voglia di aggregazioni, ma la capacità di trattenere i clienti e la forza del brand possono fare la differenza.

Sara Silano 02/11/2018 | 09:43

L’industria degli investimenti continua ad essere in fermento in tutto il mondo. In Italia, nei giorni scorsi è arrivato l’annuncio dell’interesse di Banca Generali per Nextam Partners; mentre, secondo le anticipazioni di Reuters, si sarebbero raffreddati i colloqui tra BlackRock ed Intesa Sanpaolo per una partecipazione di minoranza in Eurizon, a causa, si dice, dell’incertezza politica. Intanto, oltreoceano, Invesco ha comprato OppenheimerFunds e si prepara a diventare il 13° asset manager al mondo per masse gestite (quelle combinate supereranno i mille miliardi di dollari).

Rischi in crescita
E’ solo uno degli ultimi segnali che l’industria è sotto pressione. “Le ragioni sono molteplici”, spiega Greggory Warren, sector strategist di Morningstar. “Le scarse performance relative dei gestori attivi, la crescita dei flussi di capitale verso prodotti a basso costo e la diffusione della consulenza finanziaria ai risparmiatori fa sì che le case di investimento facciano più fatica a crescere e siano più dipendenti dai movimenti del mercato per incrementare le masse gestite”.

I margini si restringono
In Europa, Italia inclusa, gli operatori devono fare i conti con la direttiva Mifid II, entrata in vigore all’inizio dell’anno, che tenderà a ridurre i margini di profitto sia per i produttori sia per i distributori a causa dell’aumento degli oneri per adempiere ai nuovi obblighi. In più, la maggior trasparenza sui costi richiesta dalla legge obbligherà ad esplicitare tutte le commissioni in euro e a metterle in relazione con il rendimento ottenuto. In questo modo, i risparmiatori avranno più chiaro quanto realmente spendono, il che, come afferma in una nota Assiteca Sim, renderà sempre meno praticabile la via dell’aumento dei costi per mantenere invariati i ricavi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies