L’asta per le frequenze 5G non fa felici tutte le telecom

I diritti d’uso sono stati molto cari, dicono gli analisti di Morningstar. L’esborso inciderà sulla capacità delle aziende di sviluppare il network e a rimetterci, nel lungo periodo, saranno i clienti. Alcuni bilanci, intanto, si appesantiscono.

Marco Caprotti 16/10/2018 | 14:57

Chiusa l’asta per l’assegnazone dei diritti d’uso delle frequenze di telefonia 5G, il mercato si domanda se sia stato un affare e chi, eventualmente, lo abbia fatto o ci abbia rimesso.Telecom Italia si è aggiudicata tre lotti per un totale di 2,4 miliardi di euro. Vodafone si è aggiudicata lotti simili per una spesa in linea con quella del gruppo italiano. Iliad ha sborsato 1,9 miliardi per due lotti. Wind 3 ha sborsato 516 milioni e Fastweb ha speso 516 milioni.

“Altri stati hanno imparato dagli errori del passato”, spiega Allan C. Nichols, senior equity analyst di Morningstar. “Se le aste per le concessioni sono care, gli operatori hanno poi minore capacità di investimento per costruire il network necessario a utilizzare quelle frequenze. Questo, a sua volta, va a svantaggio dei consumatori. Per questo molti paesi europei hanno deciso di concedere le frequernze a prezzi più bassi. L’Italia, invece, in maniera intenzionale, ha deciso di costruire questa asta per massimizzare gli incassi”. In altre parole, ha deciso di dare poche concessioni, di dimensioni maggiori e a un numero limitato di offerenti.

Già in passato le difficoltà nello sfruttamento del network hanno fatto capire quanto questo elemento sia importante. Nel 2016, ad esempio, 3 Italia si è fusa con Wind diventando il primo operatore di telefonia mobile per numero di clienti. “Tuttavia non è riuscita a mantenere la posizione per colpa di una rete di scarsa qualità”, dice l’analista. “Secondo noi Telecom e Vodafone hanno sentito la necessità di acquistare i blocchi maggiori di frequenze per mantenere il vantaggio. Questo ha portato a offerte molto generose che, nel lungo periodo, rischiano di penalizzare il mercato”. Una posizione che ricalca quella dell’amministratore delegato di Vodafone, Nick Read, secondo cui “le aste dovrebbero essere disegnate per bilanciare le necessità delle casse statali con gli investimenti necessari per lo sviluppo delle società. E’ importante che i governi europei evitino di fare aste pericolose per i bilanci del settore”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies