Europa, le vendite di agosto aumentano gli sconti

La crisi turca e la guerra commerciale intrapresa dall’amministrazione Trump hanno penalizzato i listini del Vecchio continente. Tra i titoli della regione, gli analisti di Morningstar puntano sul più elevato rendimento atteso di quelli britannici.

Francesco Lavecchia 28/08/2018 | 12:40
Facebook Twitter LinkedIn

L’Europa perde contatto con i mercati globali. Nel mese di agosto (al 24/08 in euro), i listini del Vecchio continente hanno lasciato sul terreno il 2%, aumentando il divario da inizio anno nei confronti delle Borse mondiali, (+1,1% nello stesso periodo) a oltre il 7,5% (Figura 1).

Figura 1: Borse europee vs Resto del Mondo
Europavs World 2808

Fonte dati: Morningstar Direct, dati al 27/08/2018

Sui corsi azionari delle stock della regione hanno pesato i timori sulla stabilità dell’economia turca, e dunque le preoccupazioni legate alla forte esposizione al paese da parte di molte banche europee come Unicredit, la spagnola Banco Bilbao Vizcaya Argentina e il gruppo francese BNP Paribas, nonché l’escalation della guerra commerciale intrapresa dall’amministrazione Trump nei confronti non solo della Cina, ma anche dei Paesi dell’Unione che hanno una forte vocazione all’export.

I bancari pesano sulla performance 
A pesare sull’andamento dell’indice Morningstar DM Europe sono state le perdite dei comparti finanza e materie prime (rispettivamente -3,8% e -3,35%). Il primo è stato penalizzato dalle vendite sui bancari, il secondo ha pagato il -10,4% registrato dalla britannica Rio Tinto. Le uniche note positive arrivano dai tecnologici, che nel periodo preso in considerazione sono saliti di circa il 2% grazie agli exploit di SAP, Amadeus IT Group e Wirecard, che hanno guadagnato rispettivamente il 4,14, il 17,9 e il 9,86%.

Le recenti sofferenze sui listini hanno ulteriormente migliorato le valutazioni dell’equity del Vecchio continente che continua a essere scambiato a prezzi più convenienti rispetto a quello statunitense.

Gli analisti di Morningstar, però, preferiscono le stock britanniche, nonostante queste mantengano prezzi mediamente più alti rispetto a quelle italiane o spagnole (Figura 2).

Figura 2: Le valutazioni di mercato
Valutazioni 2708 europa

 

Perché puntare sul Regno Unito
“Il mercato sta scontando in maniera eccessiva le ripercussioni di Brexit sull’economia del paese, ma i fondamentali delle aziende sono solidi e il loro grado di indebitamento non è preoccupante. Per questo siamo convinti che esse saranno in grado di superare le conseguenze negative dell’uscita dell’Unione europea e di garantire il più alto rendimento atteso all’interno della regione”, dice Leslie Alba, analista azionaria di Morningstar.

Tali conclusioni sono coerenti con la lista dei titoli europei con Moat elevato e con il più alto tasso di sconto, nella quale primeggiano le multinazionali britanniche nel settore consumer, come British American Tobacco Imperial Brands e Unilever (Figura 3).

Titoli Europa 2808

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia