SRI, ESG, o…: tutte le etichette dei fondi sostenibili

I prodotti più recenti adottano una terminologia coerente con l’attenzione della società al tema. Ma alcuni optano ancora per il termine “etico”, che è dai più considerato obsoleto.

Sara Silano 12/07/2018 | 11:30

Cresce l’offerta di fondi sostenibili e con essa le etichette. Dal 2015 ad oggi sono stati lanciati un centinaio di strumenti di questo tipo, disponibili anche sul mercato italiano. La maggior parte ha un riferimento alla “responsabilità sociale” nel nome; tuttavia non c’è un termine che accomuna tutti. Alcuni usano “ESG”, l’acronimo che esprime l’attenzione ai fattori ambientali (environmental), sociali (social) e di governo societario (governance); altri “sustainability”; altri ancora “etico”. Per taluni prodotti, la denominazione è collegata a tematiche specifiche come la diversità di genere, l’acqua, i green bond o il cambiamento climatico.

La maggioranza impiega una terminologia che potremmo definire di nuova generazione, coerente con la più ampia attenzione della società e della normativa alla promozione di uno sviluppo economico sostenibile. Sorprende, però, trovare ancora fondi nuovi etichettati come “etici”, un termine che ha una accezione valoriale, religiosa e comportamentale che si considera ormai superata. E’ poco usato, invece, il concetto di “impact”, che indica l’obiettivo di ottenere risultati positivi dal punto di vista ambientale, sociale e di governance, accanto a quelli finanziari.

Fondi sostenibili
“La mia preferenza va per il termine sostenibile”, dice Jon Hale, capo della ricerca sulla sostenibilità di Morningstar. “Perché è più ampio ed esprime meglio l’approccio attuale. ESG e impatto sono le caratteristiche che lo distinguono dalle strategie tradizionali”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies