Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

In Europa vincono i Growth

Il Morningstar Market Barometer della regione evidenzia la supremazia dei titoli ad alta propensione di crescita degli utili sul segmento Value anche nel mese di giugno. Le migliori occasioni di investimento restano nel settore telecom.

Fernando Luque 04/07/2018 | 15:29
Facebook Twitter LinkedIn

I Growth consolidano il primato. Anche nel mese di giugno le azioni ad alta propensione di crescita degli utili hanno sovraperformato il segmento Value portando il gap da inizio anno a circa il 10% (Figura 1). Le Larg-cap, invece, hanno interrotto la striscia negativa, che durava ormai da anni, riuscendo finalmente a fare meglio delle Small-cap (-0,5% vs -1,4% a giugno in euro).

 

Figura 1: Morningstar Europe Barometer
European Market Barometer Style Returns Jun 2018

 

European Market Barometer Style Valuations Jun 2018

 

Il segmento Large Growth è stato uno dei pochi a chiudere il mese in territorio positivo (+0,2%) grazie soprattutto ai rialzi delle azioni del settore beni di consumo difensivi come Anheuser-Busch InBev, Reckitt Benckiser Group e L'Oreal che hanno registrato guadagni rispettivamente pari a 7,8%, 7,4% e 2,9%. Il comparto è stato uno dei più positivi nel mese per effetto di un rendimento dell'1,4%.

D'altra parte, le azioni Large Value hanno ceduto lo 0,6% a causa delle perdite accusate dalle grandi case automobilistiche tedesche Volkswagen, Daimler e BMW (rispettivamente -11,1 %, -10,6% e -9,1%), che rischiano di essere tra le più colpite in caso di una guerra commerciale contro gli Stati Uniti. La negativa performance dell’industria dell’auto, inoltre, è stata la principale responsabile delle perdite registrate dal settore dei beni di consumi ciclici nel mese di giugno (-3,7%) (Figura 3).

 

Figura 3: Rendimenti dei settori
European Market Barometer Sector Returns Jun 2018

 

I rialzi messi a segno da alcune grandi società farmaceutiche come Sanofi e Novartis (che hanno guadagnato rispettivamente il 4,6% e 2,1%), invece, hanno contribuito a limitare i danni del segmento Large Value. Il comparto healthcare nel suo complesso ha registrato un rialzo dell’1,4%.

In termini di valutazioni, aumenta il divario tra Large Value e Large Growth, i cui rapporti Prezzo/Fair Value (P/FV), ora, sono rispettivamente pari a 0,91 e 1,08. La negativa performance dello scorso mese (-0,5%) ha reso il settore dei servizi alla comunicazione ancora più attraente, come testimonia la discesa del suo P/FV dallo 0,85 di maggio all’attuale 0,81 (Figura 4).

Figura 4: Valutazioni dei settori
European Market Barometer Sector Valuations Jun 2018

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es