Occhio all’energia in portafoglio

Il barile sta attraversando un periodo di forte volatilità. Prezzi alti nel breve fanno felici le società del settore ma, nel lungo termine, rischiano di lasciare il mercato nelle mani degli Usa.

Marco Caprotti 14/06/2018 | 10:43
Facebook Twitter LinkedIn

Il petrolio è salito in altalena, lasciando gli investitori a domandarsi se sia il caso di mettere un po’ di energy in portafoglio e, eventualmente, quale sia il momento giusto per farlo. Il prezzo dell’oro nero nelle ultime settimane è passato rapidamente da 72 dollari al barile al 67 per poi muoversi repentinamente in alto e toccare i 78 dollari (un livello che non vedeva dal 2014). “Ogni valore al di sopra dei 70-75 dollari al barile nel breve termine fa felici le casse dei produttori ma, nel lungo periodo, rischia di fare male al settore”, spiega Mark Taylor, Senior equity analyst di Morningstar. “Se le valutazioni sono troppo alte, gli Stati Uniti si sentono incoraggiati a produrre più shale oil. Un’operazione che ormai fanno a costi molto bassi. Questo in un momento in cui alcuni paesi dell’Opec hanno problemi di estrazione. In una situazione del genere il cartello rischia di lasciare il mercato in mano agli Usa”. 

Va poi considerata la profonda rivoluzione a cui sta andando incontro il settore energetico. “In teoria il passaggio da fonti fossili al gas di scisto per la produzione di energia e lo sviluppo delle automobili elettriche potrebbe far addensare nubi nere sul futuro delle società energy tradizionali”, dice Taylor. “In realtà stiamo notando che molte aziende oil stanno diversificando nelle energie rinnovabili quindi potrebbero essere in grado di cavalcare questo trend senza perdere le opportunità che, in termini di bilancio, il barile potrà ancora dare”.

Due Neutral per l’energia
Nella categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono sui titoli energy, fra i prodotti disponibili in Italia ce ne sono due con Analyst rating. Entrambi hanno un giudizio Neutral.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy