Il miracolo della signora Bloom che miracolo non è

Una segretaria di New York investendo negli anni una piccola porzione del suo stipendio è riuscita ad accumulare più di nove milioni di dollari. Merito di una visione di lungo termine e di una buona dose di prudenza.

John Rekenthaler 16/05/2018 | 10:29
Facebook Twitter LinkedIn

Il New York Times di qualche settimana fa ha raccontato la storia di Sylvia Bloom, una segretaria in pensione deceduta lasciando una fortuna di 9,2 milioni di dollari. Un capitale che ha lasciato stupito il suo esecutore testamentario. Nell’articolo si faceva riferimento anche ad altre persone con uno stipendio normale diventate, tuttavia, milionarie. Ad esempio un negoziante del Wisconsin che aveva accumulato 13 milioni e una donna dell’Illinois che viveva in un monolocale ma aveva in banca 7 milioni.

La storia ha colpito la fantasia dei lettori tanto che l’articolo è stato uno di quelli più ricercati fra quelli del quotidiano. Secondo il giornalista Ms Bloom ha accumulato la sua fortuna “osservando astutamente gli investimenti” fatti dallo studio legale per il quale lavorava e “copiando le operazioni di trading”.

Un’opinione contrarian
La mia reazione è stata differente. Mi sono chiesto perché sarei dovuto essere sorpreso. Oltre a essere parsimoniosa la signora Bloom è stata anche longeva. E’ vissuta fino a 96 anni e ha lavorato per 67. Gli investimenti non hanno bisogno di essere ingenti o in asset a forte crescita per diventare redditizi. Basta dargli abbastanza tempo. E due terzi di secolo sono un arco temporale abbastanza lungo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

John Rekenthaler  is vice president of research for Morningstar.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies