Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Asset manager americani promossi a quattro stelle

L’ottava negativa ha ridotto ulteriormente il rapporto Prezzo/Fair value di Legg Mason e Cohen & Steers facendo scattare per entrambi l’updgrade nei giudizi degli analisti.

Francesco Lavecchia 17/04/2018 | 06:54
Facebook Twitter LinkedIn

Nuove occasioni di investimento tra gli asset manager americani. Dopo le perdite accusate nell’ultima settimana borsistica (rispettivamente -4,45% e -1,47%, in dollari), Legg Mason e Cohen & Steers hanno registrato un upgrade nel Morningstar rating (da tre a quattro stelle) e ora vanno a infoltire la schiera di società di gestione scambiate a tassi di sconto interessanti.

Il comparto viene da un trimestre negativo: il successo degli strumenti d’investimento passivi, unito alle deboli performance delle gestioni attive, alle attese per l’aumento dei tassi di interesse negli Usa e alla necessità di ridurre i costi di gestione, hanno alimentato i timori del mercato sulla redditività dell’industria le cui valutazione sono scese progressivamente negli ultimi tre mesi (indice DJ US Asset Manager -10% in dollari) portando il rapporto Prezzo/Fair value a 0,90.

 

Rapporto Prezzo/Fair value medio settore asset management
Assetmanager PFV 16042018

 

Ottimismo sul futuro di Cohen & Steers
“Nonostante il contesto non proprio positivo, continuiamo a essere ottimisti sul futuro di Cohen & Steers. Il gruppo finanziario ha dimostrato nel recente passato di essere in grado di macinare tassi di crescita superiori alla media e il suo focus nella gestione di portafogli equity orientati alla cedola (composti in larga parte da titoli nel settore real estate) e la qualità della sua rete di distribuzione promettono di regalare buone performance anche nel futuro”, dice Greggory Warren analista azionario di Morningstar.

“Cohen & Steers ha chiuso il 2017 con una crescita dell’8,6% dell’attivo gestito (AUM, asset under management), rispetto all’anno precedente, grazie a un aumento del 6,7% dei flussi di capitali in entrata. Questo risultato è uno dei migliori tra gli asset manager americani e ci aspettiamo che per il 2018 il progresso complessivo dell’AUM sia compreso tra il 4% e il 6%. La nostra stima del fair value del titolo è di 45 dollari e vale a Cohen & Steers un rating Morningstar di quattro stelle”.

Per Legg Mason parlano i risultati
In un settore come quello dell’asset management, in cui le società riescono a mantenersi redditizie solo grazie ad alte economie di scala e a valori intangibili come la buona reputazione sul mercato, Legg Mason è stata in grado di costruirsi una solida posizione di vantaggio facendo leva sulle larghe masse di asset gestite (a gennaio 2018 ammontavano a quasi 800 miliardi di dollari), che le consentono di ammortizzare i costi operativi, e sulle buone performance registrate dai suoi fondi. Come testimonia il fatto che il 56%, 62%, 61% e 76% delle sue strategie a lungo termine abbiano sovraperformato la media di categoria rispettivamente a uno, tre, cinque e 10 anni.

“Nel prossimo quinquennio ci aspettiamo una crescita del fatturato del 3%. Il margine operativo salirà dall’attuale 17% al 20% nel 2022 e gli elevati flussi di cassa generati dalla società saranno utilizzati per ridurre l’ammontare del debito, oltre che per finanziare un piano di riacquisto di azioni proprie e la distribuzione di un dividendo per gli azionisti. Sulla base di queste ipotesi la stima del fair value del titolo è pari a 44 dollari”, conclude Warren (report aggiornato al 23 marzo 2018).

Promossi 16042018

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia