I mercati emergenti continuano a essere solidi

La recente debolezza delle Borse internazionali non ha penalizzato eccessivamente le piazze dei paesi in via di sviluppo. Le valutazioni, dicono gli analisti di Morningstar, sono più interessanti di quelle che si trovano nelle regioni developed.

Marco Caprotti 28/03/2018 | 10:02

I mercati emergenti possono stare tranquilli. Se ci dovessero essere nuove scivolate delle Borse mondiali, non è detto che le piazze delle regioni in via di sviluppo soffrano. “Secondo l’opinione comune, i mercati emerging sono quelli che pagano di più durante le discese delle Borse, perché devono fare i conti con situazioni rischiose, come le tensioni geopolitiche o strutture economiche e finanziarie più deboli”, spiega Gregg Wolper, analista di Morningstar. “Non è detto però che questo accada o che si verifichi nella misura prevista e temuta dagli operatori”. Durante la crisi finanziaria nel periodo ottobre 2007-marzo 2009, l’indice Msci Emerging market ha perso (in dollari) il 60%: un andamento peggiore rispetto a quello del paniere S&P500 o del basket Msci Aefe (che copre i mercati sviluppati ex US). Ma la performance dell’indice emerging rispetto a quelle dei panieri developed non è stata un vero disastro. Il benchmark del mercato Usa nello stesso periodo è sceso del 55,4% mentre quello dei developed (America esclusa) ha perso il 59,2%. Per venire a tempi più recenti, nella scivolata dei mercati dal 2 all’8 febbraio di quest’anno, l’indice EM ha perso il 6,7%: meno dell’S&P500 (-8,5%) e poco di più dell’Aefe (-6,2%).

“Nessuno può dire se in futuro assisteremo a comportamenti simili “, dice Wolper. “In parte questo dipenderà dalle cause delle discese e dai settori che si indeboliranno. Va sottolineato, poi, che gli emerging non sono dei porti tranquilli dove rifugiarsi nelle fasi di tempesta. Tuttavia, evitarli del tutto potrebbe essere un errore grave. A parte gli esempi storici, i mercati emergenti in questo momento presentano valutazioni (in termini di price/earning) che è impossibile trovare altrove.

Restringendo il campo, anche temporale, alle categorie Morningstar, quella dedicata ai fondi venduti in Italia che investono sui mercati emergenti nell’ultimo mese ha guadagnato (in euro e fino al 23 marzo) l’1,12%, portando a +1,21% la performance da inizio anno. L’indice Morningstar EM, negli stessi periodi, ha segnato rispettivamente +1,2% e +1,5%.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
T. Rowe Price Emerging Mkts Eq Ad USD12,78 USD1,64

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies