Azioni Usa, meglio ignorare Trump

L’equity a stelle strisce viaggia su livelli record nonostante i dubbi degli esperti sulla guida della Casa Bianca. Gli investitori devono concentrarsi sui fondamentali e sui prezzi. Ma le opportunità scarseggiano. 

Marco Caprotti 21/12/2017 | 10:02
Facebook Twitter LinkedIn

Separare la politica dai mercati. E’ l’unico modo, secondo i portfolio manager di Morningstar Investment Management (MIM) per cercare di arrivare a una ragionevole previsione su quello che potrà essere il 2018 dell’equity americano. Soprattutto dopo un anno come il 2017, in cui l’azionario a stelle e strisce è cresciuto segnando 53 rialzi record (eguagliando la serie messa a segno nel 2014).

La variabile Donald
A mischiare le carte sul tavolo, in questo caso, c’è la variabile Donald Trump. “E’ un presidente che ha fatto crescere i timori di un’interferenza della politica nei rendimenti delle Borse, non solo americane”, spiegano Clemence Dachicourt e  Mike Coop, rispettivamente Portfolio manager EMEA e Head of multi-asset portfolio management EMEA di MIM. “Basti pensare agli effetti che possono avere le tensioni fra Trump e la Corea del Nord sui titoli giapponesi o della Corea del sud”.

Il rischio in questi casi, però, è quello di lasciarsi trascinare dal pessimismo. Molti rispettati economisti e analisti avevano previsto che con l’elezione del discusso candidato repubblicano Wall Street avrebbe perso il 10%. Il realtà, dall’inizio del suo mandato ha guadagnato il 25%. “Leggere l’andamento dei mercati anche in relazione agli eventi politici è un esercizio che un investitore razionale dovrebbe evitare di fare”, spiegano i due manager. “Dovrebbe invece ragionare sui fondamentali delle società”. Questo, in ogni caso, non significa ignorare completamente la portata di fattori come una riforma fiscale o sanzioni commerciali.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy