Bond emergenti, bisogna aver paura della bancarotta venezuelana?

Sono settimane difficili per il debito del paese sudamericano. Ma l’asset non è molto presente nei fondi e alcuni gestori vedono buone opportunità nel lungo periodo. 

Marco Caprotti 13/12/2017 | 15:48

Il brivido di paura che ha attraversato gli investitori nei paesi emergenti dopo il fallimento del Venezuela potrebbe essere ingiustificato. Il fremito si è sentito a metà novembre dopo che la International Swap e Derivatives Association ha dichiarato i bond governativi del paese e quelli emessi da Petroleos de Venezuela (PDV, la oil company gestita dallo stato) valgono come carta straccia. Ma i primi tremori si erano avvertiti due settimane prima, quando il presidente del paese, Nicolas Maduro, aveva annunciato la ristrutturazione del debito locale (valutato in circa 60 miliardi di dollari).

Non è da oggi, comunque, che lo stato sudamericano è un osservato speciale della comunità finanziaria internazionale che imputa a Maduro - e al cattivo management di PDV- la recessione economica e la penuria di cibo e medicinali in cui versa il paese. Agli investitori non sono piaciuti nemmeno gli ultimi scandali politici, l’emissione di nuovo debito e la decisione di versare i dividendi di Citgo (la raffineria controllata da PDV) direttamente nelle casse dello stato.

“Il debito venezuelano, in generale, è poco presente nei fondi obbligazionari globali dove la posizione, quando c’è, non arriva all’1% del portafoglio”, spiega Karin Anderson, direttore delle strategie sul reddito fisso di Morningstar che ha analizzato i fondi dedicati ai bond dei mercati emergenti (sono stati presi in considerazione quelli che hanno un Analyst rating, vedi tabella sotto) domiciliati in Usa e In Europa. “Tuttavia pesa di più nei prodotti dedicati ai bond dei mercati emergenti. In particolare in quelli che hanno come benchmark l’indice JPMorgan Emerging Market Bond composto da emissioni governative in euro e dollari. Nei primi 10 mesi del 2017 il debito venezuelano ha rappresentato il 2,5% del paniere.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies