Promozioni da trimestrale

I dati superiori alle attese riportati da General Motors e Vertex Pharmaceuticals hanno convinto gli analisti di Morningstar ad alzare le valutazioni sui titoli. Le conseguenti discese nei rapporti Prezzo/Fair value hanno prodotto per entrambi l’upgrade nel Morningstar rating.

Francesco Lavecchia 31/10/2017 | 12:27
Facebook Twitter LinkedIn

Nuove opportunità di investimento dopo le trimestrali americane. I dati di General Motors e Vertex Pharmaceuticals hanno superato le attese degli analisti che hanno deciso di alzare la stima del fair value. La contrazione del rapporto P/FV ha prodotto l’upgrade dei due titoli da tre a quattro stelle nel Morningstar rating.

Utile sopra le attese per General Motors
General Motors (GM) ha riportato nel terzo trimestre un utile per azione pari a 1,32 dollari, battendo il consensus del mercato che prevedeva un valore pari a 1,13 dollari. “Il dato è sorprendente, considerando che il gruppo statunitense ha chiuso diversi centri produttivi. Ma a favore di GM hanno giocato un miglior mix di prodotto, che ha favorito i segmenti auto a maggior valore aggiunto, e la forte riduzione dei costi operata dal management”, dice Richard Hilgert analista azionario di Morningstar.

“Sulla base di questi numeri abbiamo deciso di alzare le nostre previsioni sull’andamento dei margini di profitto del gruppo nei prossimi cinque anni e dunque di rivedere al rialzo la stima del fair value del titolo da 51 a 56 dollari” (report aggiornato al 24 ottobre 2017)”.

Salgono le vendite di Vertex 
La decisione di alzare il fair value del titolo Vertex da 170 a 175 dollari arriva in seguito al forte aumento delle vendite della casa farmaceutica americana nel terzo trimestre. L’azienda, specializzata nei farmaci per la cura della fibrosi cistica, ha beneficiato dell’approvazione dei suoi due prodotti di punta per l’utilizzo da parte dei bambini di età inferiore a due anni e del passaggio all’ultima fase di test per i suoi farmaci di ultima generazione.

“Vertex ha il vantaggio di essere stata tra i primi a specializzarsi nella cura di questa malattia e ora può vantare un ampio portafoglio di brevetti”, dice Kelsey Tsai di Morningstar. “Nei prossimi cinque anni ci aspettiamo che la forte crescita dei ricavi (media del 25% annuo) riuscirà a spingere gli utili e a garantire al gruppo una profittabilità superiore alla media”. 

Fairvaluechange 30102017

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia