Giugno no per l'equity del Vecchio continente

IL BAROMETRO DEL MERCATO EUROPEO. Le perdite più elevate sono state registrate fra i titoli large growth e tra gli energetici. 

Fernando Luque 11/07/2017 | 00:00
Facebook Twitter LinkedIn

Il mese di giugno ha visto tutti i segmenti della nostra European Style Box chiudere in negativo. Le perdite denotano il seguente trend: lo stile value ha perso meno di quello growth e le piccole imprese hanno fatto meglio delle grandi.

Il segmento più penalizzato risulta essere il large growth, sulla cui performance (-3%) hanno contribuito in maniera rilevante le società del settore consumer come Anheuser-Busch InBev, Inditex, British American Tobacco PLC e Unilever PLC che hanno perso rispettivamente il 6,9%, il 7,6%, il 6.1% e il 4,8%.

 eubarom

 Tuttavia, i titoli beni di consumo (ciclici e difensivi) non sono stati i peggiori performer del mese. Altri settori hanno fatto peggio, come quello energetico che ha perso il 4,8% a causa del forte calo del prezzo del greggio (circa il 5% in USD) e quello delle telecomunicazioni, in flessione del 4,7%. In merito a quest’ultimo, società come Deutsche Telekom (-7,9%), Orange (-8,6%) e Telefónica (-6,8%) hanno giocato un ruolo determinante nei deludenti risultati delle ultime quattro ottave.

 L'unico comparto che è riuscito a chiudere in positivo è stato quello finanziario, con un leggero guadagno dello 0,6%, grazie a HSBC Holdings, società con la più grande capitalizzazione di mercato del settore, che ha guadagnato il 4,5%.

 eurbarome2

 

Nonostante la performance negativa di questo mese, il segmento large growth rimane quello con le valutazioni più elevate, con un rapporto Prezzo/Fair Value (P/FV) pari a 1,08. Al contrario, il segmento small value mostra tassi di sconto elevati grazie a un P/FV di 0,90.

 All’interno del segmento large growth, comunque, ci sono anche titoli a buon mercato con un P/FV inferiore a 0,9, come ad esempio Symrise, SFR Group SA e Anheuser-Busch InBev.

 eubaro3

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es