Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

L’equity Italia non delude

L’indice dedicato al Belpaese continua a salire anche per merito della ripresa di servizi e consumi.

Marco Caprotti 06/07/2017 | 15:21

L’Italia continua a regalare soddisfazioni. Per lo meno agli investitori che hanno deciso di mettere in portafoglio asset di Piazza Affari. L’indice Morningstar dedicato alla Penisola nelle ultime quattro settimane è salito dell’1,1%, facendo anche meglio di quello dedicato all’Europa che, nello stesso periodo è sceso del 2,2%.

Indice Morningstar Italy da inizio anno
Italia1

Dati in euro aggiornati al 5 luglio 2017
Fonte: Morningstar Direct

In un quadro internazionale che vede l’economia americana rallentare e l'area euro consolidare la crescita, le indicazioni migliori per la penisola arrivano dal Pil e dall’occupazione. Nel primo trimestre dell'anno (dati Istat) il Prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,4%, più delle stime iniziali e un decimo in più rispetto all'ultimo periodo del 2016. A sostenere l'aumento sono stati soprattutto la vivacità del settore dei servizi (+0,6% nel trimestre) e i consumi delle famiglie (+0,5%), visto che gli investimenti sono scesi dello 0,9% (primo dato negativo dal 2014). Sul miglioramento dei consumi può aver avuto effetto anche la ripresa dell'occupazione: ad aprile 94mila italiani in più sono risultati al lavoro (+0,4% su marzo), con un tasso di disoccupazione sceso all’11,1%, ai minimi dal 2012.

Chi ha corso di più
In questo scenario, la categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono in Italia in un mese ha guadagnato lo 0,14% e ha visto prevalere, in massima parte gli strumenti che hanno una buona esposizione ai consumer. All’interno del segmento equity Italy, il fondo che si è comportato meglio nel periodo è stato Schroder ISF Italian Equity A1 (Mornigstar rating 3 stelle): in un mese è salito dell’1,3%, portando a + 13,9% la performance da inizio anno. Secondo i dati aggiornati a fine maggio di quest’anno, a livello settoriale il portafoglio sovrappesa i beni di consumo ciclici. Per quanto riguarda lo stile di investimento, più del 50% del portafoglio è orientato alle large cap value, ma non mancano esposizioni, anche considerevoli alle mid cap blend e growth

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar