Gli emergenti dimenticano in fretta la Fed

I rialzi dei tassi di interesse Usa, dicono gli analisti, non compromettono le potenzialità delle aree in via di sviluppo. Una mano gliela daranno anche le commodity. 

Marco Caprotti 21/12/2016 | 10:43

Non ci sono più gli emergenti di una volta. Se in passato il rialzo dei tassi di interesse era un fattore che aggiungeva incertezze a un asset di investimento già considerato rischioso, oggi le regioni in via di sviluppo, secondo gli analisti, sono in grado di resistere meglio.

Certo la notizia dell’ultima stretta (quella del 14 dicembre che ha portato il costo del denaro in un range tra 0,50% e 0,75%) da parte della Banca centrale americana, unita all’intenzione di procedere ad altre tre strette monetarie nel corso del 2017, non viene ancora presa con un’alzata di spalle. Tassi più alti negli Stati Uniti di solito si accompagnano a maggiori costi di finanziamento per le aziende dei paesi emergenti e incoraggiano gli investitori di quelle aree a mettere i loro soldi in Usa nella speranza di rendimenti maggiori. “A tutto ciò, in questo particolare momento storico, vanno aggiunti la politica protezionistica del nuovo presidente americano Donald Trump e il rafforzamento del dollaro che spinge gli investitori a puntare su asset Usa”, spiega Robert Johnson, responsabile della ricerca economica di Morningstar. “Ma se ci fermiamo a questi elementi non vediamo il quadro completo nel quale si stanno muovendo gli emerging. Molti di questi, soprattutto in Asia, possono contare su un buon numero di risparmiatori, su un surplus commerciale e su politiche fiscali che incoraggiano gli investimenti. In una situazione del genere sono ben equipaggiati per portare avanti piani di stimolo economico senza badare troppo a cosa succede in Usa”.

Un aiuto dalle commodity
C’è poi una questione che riguarda gli emergenti in generale. “La ripresa delle commodity darà una mano soprattutto agli stati che vivono di esportazione delle materie prime”, dice Johnson. “In questo senso, ad esempio, la decisione dell’Opec di tagliare la produzione di petrolio per far salire le quotazioni è una buona notizia”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies