Fca supera le attese

I dati del terzo trimestre del gruppo italo-americano battono il consensus del mercato. Positivo il miglioramento dell’Ebit, anche se il fatturato resta piatto. Morningstar lascia invariata la stima del fair value a 15 euro.  

Francesco Lavecchia 27/10/2016 | 12:44
Facebook Twitter LinkedIn

Fca batte il consensus, ma non fa cambiare idea agli analisti. I dati del terzo trimestre del gruppo Fiat Chrysler hanno evidenziato una crescita dell’utile per azione a 0,48 euro, da 0,14 euro riportato lo scorso anno. Risultato superiore anche alle stime degli analisti che avevano previsto un valore pari a 0,36 euro. Rispetto allo stesso periodo del 2015 i numeri indicano anche un salto del 29% dell’Ebit, maturato nonostante l’andamento piatto dei ricavi che hanno risentito di una contrazione del 4% nel volume delle vendite. 

Stime viste al rialzo
“Alla luce di questi dati, il management della società italo-americana ha deciso di confermare le guidance di fine esercizio per i ricavi e di alzare quelle relative all’utile operativo a 5,8 miliardi di euro (dai 5,5 previsti in precedenza). Dal canto nostro abbiamo deciso di rivedere al rialzo le nostre stime per il 2016 relative al margine Ebit, dal 4,9% al 5,2%, e dell’utile per azione, da 1,40 euro a 1,50 euro, mentre restano invariate le aspettative relative a una crescita debole del fatturato”, dice Richard Hilgert analista azionario di Morningstar. “Le nostre previsioni per i prossimi cinque anni, che indicano un progresso medio dei ricavi dell’1,3% e un miglioramento del margine operativo di circa 100 punti base rispetto all’attuale 16,9% continuano a essere più basse rispetto agli obiettivi fissati dal gruppo, ma significativamente migliori rispetto a quelle scontate dal mercato”. 

Il fair value non cambia
Il fair value del titolo è confermato a quota 15 euro (report pubblicato in data 26 ottobre), contro un prezzo di listino delle azioni di circa sei euro. Gli analisti non riconoscono al gruppo una posizione di vantaggio all’interno del settore (Economic moat), a causa della forte concorrenza e dell’eccesso di capacità produttiva che limita i margini di profitto. Tuttavia alle attuali quotazioni di Borsa Fiat Chrysler risulta essere una delle migliori idee di investimento di Morningstar in Europa.  

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Stellantis NV20,76 EUR1,02Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures