In Borsa vincono i venditori

Europa debole. Pesano i risultati al di sotto delle attese di alcune banche oltre alla frenata della Cina e delle commodity. A Milano (-2,46%) giù gli istituti di credito. Debole Tenaris. Frena l’auto. Wall Street in calo. 

Marco Caprotti 03/05/2016 | 17:43
Facebook Twitter LinkedIn

Borse europee deboli, in una giornata caratterizzata dalle vendite. I risultati deludenti di grandi banche come Commerzbank in Germania, la flessione del greggio e di alcune materie prime, sulla scia del calo dell'indice manifatturiero cinese e l'euro in recupero sul dollaro sono tutti fattori che hanno messo sotto pressione i listini.

A Milano (-2,46%), in una seduta di vendite generalizzate su tutti i comparti, protagoniste in negativo sono state soprattutto le banche, ancora una volta alla luce del fallimento della quotazione della Popolare di Vicenza. Tenaris ha risentito dell'arretramento del greggio e del calo delle materie prime su cui è esposta a livello internazionale. I dati sull’auto positivi in Italia e in Europa non hanno aiutato il comparto delle quattroruote. Debutto boom di Technogym.

New York negativa
Wall Street viaggia in ribasso. Tra gli investitori ritornano le preoccupazioni per l'andamento dell'economia cinese e il suo effetto su quella mondiale. A ciò si aggiunge l'avvertimento arrivato dal Fondo monetario internazionale: in una conferenza stampa dedicata all'outlook della regione Asia-Pacifico, l'istituto di Washington ha messo in guardia su un riequilibrio dell'economia del colosso emergente definito “non proprio facile”. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.